Istat: 18 milioni di italiani sono a rischio povertà o esclusione sociale

Un italiano su tre a rischio povert

Istat: 18 milioni di italiani sono a rischio povertà o esclusione sociale

Nel complesso, le persone a rischio in Italia sono oltre 18 milioni.

All'aumento della disuguaglianza si accompagna l'aumento di chi si trova in situazioni di povertà o estremamente precarie.

Non solo rischio povertà, ma anche diseguaglianze economiche crescenti nel quadro dipinto dall'Istat.

Cecilia su Francesco Monte: "Non torni a 'Uomini e Donne'"
Baby Rodriguez ha sottolineato che Francesco si merita più di un'occasione lavorativa perchè ha molto da dare al pubblico. Una dichiarazione "strana" la sua, considerando che lei ha "trovato" Ignazio Moser proprio in TV lasciando Francesco .


L'incidenza degli individui a rischio povertà, si legge nel report Istat, è aumentata dal 19,9% del 2015 al 20,6% del 2016, per non parlare poi della quota di persone che vivono in famiglie gravemente deprivate, salita dall'11,5% al 12,1%. Distribuzioni di reddito più diseguali di quella italiana ci sono in altri paesi dell'area mediterranea, come Portogallo, Grecia e Spagna, mentre distribuzioni di reddito più eque ci sono in Slovacchia e in Slovenia, come pure in Repubblica ceca, Finlandia e Belgio. Per ritenere che una famiglia viva quasi al di sotto della soglia di povertà è necessario che sia soddisfatta almeno una di queste condizioni: un nucleo familiare deve vivere al di sotto dei 9.748 euro annui; oppure in condizioni di grave deprivazione materiale (cioè mostrare almeno quattro dei nove segnali di deprivazione previsti, come l'essere in ritardo con i pagamenti, non potersi permettere di riscaldare in modo adeguato la casa); oppure le famiglie in questione devono trovarsi a bassa intensità di lavoro, ossia con componenti tra i 18 e i 59 anni che hanno lavorato meno di un quinto del tempo (se si fa riferimento a una singola persona si tratta di meno di tre mesi all'anno).

Si aggrava il rischio di poverta' o esclusione sociale anche per coloro che vivono prevalentemente di reddito da lavoro autonomo o di reddito da pensioni e/o trasferimenti pubblici (+2,9 punti percentuali per entrambe le tipologie di reddito), in concomitanza all'incremento della bassa intensita' lavorativa per la seconda tipologia. Nel Centro un quarto della popolazione (25,1%) permane in tale condizione.

Secondo l'istituto di statistica, in Italia i poveri sono in aumento mentre i ricchi riescono a catalizzare nelle loro tasche sempre più introiti, allargando la forchetta rispetto alle classi medie (che, a questo punto, stanno sempre più scomparendo). "Nel 2016 si stima che le persone a maggior rischio di povertà o esclusione sociale vivano in famiglie di coppie con tre o più figli (46,1%), monogenitore (38,8%) e in famiglie con cinque o più componenti (43,7%)".

Latest News