Mihajlovic si gioca la panchina: Torino tra Reja e Mazzarri

In ogni caso, si legge su 'Tuttosport', che sia esonero immediato o meno, l'avventura di Mihajlovic al Torino sembra essere arrivata al capolinea, restano solo da stabilire tempi e modalità.

Il primo sarebbe il classico traghettatore da qui a giugno per poi cercare di convincere Gasperini a lasciare Bergamo e accettare la sfida granata, Mazzarri invece sarebbe una scelta per il presente ma anche per il futuro con cui programmare la prossima stagione fin da subito. Tutti i pareggi non sono uguali, il nostro obiettivo è rimanere attaccati al gruppo europeo: la classifica è corta, dobbiamo aspettare, e spero avvenga il prima possibile, che le cose funzionino. "I tifosi possono fischiare, la stampa criticare, ma so quello che succede e cosa posso aspettarmi dalla squadra". "Vicino ai tendini. Gli dà fastidio quando corre, quando forza non sta bene, e sono già dieci giorni di assenza, purtroppo". "Ci mancano dei punti con il Chievo, con il Verona e con la Samp".

Male anche gli altri attaccanti: "Ljajic deve dare di più, come Berenguer e Boyé".

Salvini contro lo Ius Soli, tensione con i movimenti
L'area è blindata, un cordone della polizia separa le due manifestazioni per impedire che possano venire a contatto. Si dice anche pronto a diventare premier, risponde "Se gli italiani lo vorranno sarà una splendida realtà".


"Con l'Inter la Lazio è la squadra più sorprendete, è forte, sta bene e in campo si difende e riparte, sono completi in ogni reparto".

Il tecnico serbo, in vista della gara contro la Lazio di Inzaghi, ripartirà da una certezza, quella del tridente offensivo, con Belotti e Iago Falque che completeranno il terzetto ispirato dalle giocate di Adem Ljajic, particolarmente ispirato contro i biancocelesti: i capitolini sono infatti la squadra più colpita dal serbo nella sua carriera in Italia; 5 le reti realizzate in carriera alla Lazio (tre con la Fiorentina, una con la Roma e una proprio con il Torino, l'anno scorso). Hanno tante soluzioni in panchina. Hanno perso solo due partite e forse avrebbero meritato addirittura qualche punto in più. Ma noi sappiamo a chi andremo incontro e che hanno qualche piccolo difetto. Sta a noi tramutare i fischi in applausi.

Infine, Mihajlovic ha parlato anche dell'imminente sessione di calciomercato. "A gennaio va preso sicuramente un centravanti, Sadiq ha dimostrato di non essere adatto a questi livelli". Edera mi piace ma dà meglio a destra. "Qualcosa in più gli attaccanti dovranno dare". Pensiamo a Zappacosta e De Silvestri: sono due terzini con caratteristiche diverse. "Lo aspettiamo, presto. Ma deve stare bene fisicamente e di testa".

Latest News