Pos, il Governo interviene per ridurre le commissioni per i pagamenti

Pos, il Governo interviene per ridurre le commissioni per i pagamenti

Pos, il Governo interviene per ridurre le commissioni per i pagamenti

Buone notizie per chi usa abitualmente il bancomat.

Il nostro paese si è mosso in tal senso proprio grazie ad un'insistenza dell'Unione Europea che ormai da tempo tende a ridurre i costi di commissione relativi ai pagamenti elettronici. Dopo il varo del decreto di recepimento della direttiva Ue sui servizi di pagamento da parte del Consiglio dei ministri, ora spetta al Tesoro compiere l'ultimo passo per avviare la rivoluzione.

I limiti alle commissioni non devono superare lo 0,2% in caso di pagamento con il bancomat e dello 0,3% se si utilizzano le carte di credito. E ancora: "Le commissioni interbancarie sono i due terzi dell'intera commissione". Tra le misure previste dal regolamento spicca la riduzione della franchigia massima a carico degli utenti in caso di pagamenti non autorizzati, che passa da 150 a 50 euro. Previsto il divieto di surcharge, il sovrapprezzo per l'utilizzo di uno strumento di pagamento.

Terremoto oggi, INGV: piccola scossa magnitudo 2 a Maratea (Potenza, Basilicata)
Certo è che la paura è stata tanta anche perché il terremoto di medio/ bassa intensità e l'attività tellurica dei giorni scorsi confermano che la città dello Stretto è uno dei luoghi d'Italia a più alto rischio sismico.


Per le operazioni nazionali effettuate tramite carta di debito, fino al dicembre 2020 i prestatori di servizi potranno applicare una commissione interbancaria non superiore all'equivalente dello 0,2% calcolato sul valore medio annuo di tutte le operazioni nazionali tramite carta di debito all'interno di ciascuno schema di carta di pagamento. Senza un taglio vero delle commissioni pagate dalle imprese, l'efficacia del provvedimento come incentivo alla diffusione della moneta elettronica sarà dunque limitata.

In Italia, ricorda l'associazione, il numero dei Pos installati è di 2,2 milioni, rispetto a 1,5 milioni in Francia e a 1,2 milioni in Germania, con un incremento di circa il 60% negli ultimi cinque anni. Ed insostenibili per quelle tipologie di piccole imprese - come tabaccai, gestori carburanti ed edicolanti - che sono caratterizzate da margini molto bassi, quasi completamente assorbiti dalle commissioni di bancomat e carte.

Latest News