C'è il 40% di probabilità che Apple acquisisca Netflix, secondo Citi

C'è il 40% di probabilità che Apple acquisisca Netflix, secondo Citi

C'è il 40% di probabilità che Apple acquisisca Netflix, secondo Citi

Netflix potrebbe molto presto divenire proprietà di Apple.

C'è una probabilità del 40% che Apple acquisisca Netflix ora che il taglio delle imposte del presidente americano Trump è stato approvato, secondo gli analisti di Citi Jim Suva e Asiya Merchant. E il taglio delle tasse e l'indennità una tantum concessa dalla riforma fiscale appena varata da Donald Trump potrebbero fornire i presupposti adatti per l'acquisizione di Netflix, azienda leader nel settore del video streaming on demand, che ottiene quotidianamenti milioni di consensi da parte dei consumatori.

Apple "ha troppo contante, quasi 250 miliardi, e cresce di 50 miliardi all'anno". "Storicamente, Apple ha evitato di rimpatriare denaro negli Stati Uniti per evitare l'imposizione fiscale elevata, pertanto la riforma fiscale potrebbe consentire a Apple di utilizzare questo denaro. Con circa il 90% della sua liquidità all'estero - evidenziano - una tassa di rimpatrio del 10% una tantum darebbe a Apple 220 miliardi per acquisizioni o riacquisti". L'azienda Hi-Tech ha stanziato di 1 miliardo di dollari per la produzione di nuovi contenuti. Proprio tramite iTunes, Apple, ha cercato di introdurre a suo modo lo streaming video con il noleggio della maggior parte dei titoli del momento tramite la sua Apple TV che permette ora anche la trasmissione in 4K. E non perché l'azienda californiana, come da routine, presenterà il suo nuovo iPhone o qualche altro prodotto rivoluzionario, ma perché, secondo alcuni analisti di Citi, Apple starebbe seriamente pensando all'acquisizione della piattaforma Netflix.

Il nuovo tormentone social è "Gino": ma chi è in realtà?
Un trend che ha fatto riflettere molti e che ha innervosito anche Diana Del Bufalo , anche lei colpita dalla moda Gino . Una domanda che in molti si sono posti vedendo i profili social delle star negli ultimi giorni invasi da queste scritte.


Un rapporto che in poche parole indica la forza economica di Apple e che conferma, anche se non in maniera ufficiale, che l'acquisto di Netflix non è soltanto mera utopia.

Durante il mese di giugno del 2017 proprio Apple aveva arruolato Zack Van Amburg e Jamie Erlicht, due importanti dirigenti pronti a ricoprire un ruolo dirigenziale sulla supervisione di tutti gli aspetti della programmazione video di Apple. Ma il futuro prospetta un possibile accordo, come quello tra Disney e Fox. Solo il 5% la probabilità che l'azienda di Tim Cook possa interessarsi invece alla Tesla di Elon Musk, in questo caso è palese come un genio come il creatore della prima macchina completamente elettrica difficilmente possa porsi alle dipendenze di altri dirigenti o colossi.

Latest News