Lunedì 8 gennaio c'è uno sciopero degli insegnanti di materne e elementari

Scuola Cobas sciopero più grande di sempre

Lunedì 8 gennaio c'è uno sciopero degli insegnanti di materne e elementari

Per il sindacalista "è insopportabile che il Miur e il governo non abbiano voluto risolvere un problema serissimo non solo per i lavoratori coinvolti ma per tutta la scuola italiana che di questi docenti non può assolutamente fare a meno". Un pasticcio che oggi pomeriggio arriverà sul tavolo del ministero all'istruzione. Nell'incontro coi sindacati la ministra Valeria Fedeli scioglierà i nodi sugli effetti di questo pronunciamento.

Spiega il leader dei Cobas, Piero Bernocchi: "Questa sentenza pone drammatici problemi, professionali ed umani, ai diplomati magistrali".

Lo afferma il Cobas che dice: "Il Consiglio di Stato, dopo l'udienza del 15 novembre, ha pubblicato il 21 dicembre una vergognosa sentenza contro i diplomati/e magistrali".

Luca Capuano: "La devastante malattia di mia moglie"
Non buttate via nemmeno un giorno della vostra vita, perché siamo esseri speciali sia nella gioia che nella sofferenza". Il 2017 è stato un anno davvero difficile da sostenere per Luca Capuano e la moglie Carlotta Lo Greco .


Le organizzazioni sindacali rappresentative "non dovranno accontentarsi - esorta alla vigilia del confronto Marcello Pacifico, presidente dell'Anief - di una possibile fase transitoria da introdurre anche per il personale dell'infanzia e della primaria: sarebbe comunque un'ingiustizia, perché l'unica strada percorribile è che tutti i diplomati magistrale iscritti con riserva nelle Gae (graduatorie a esaurimento) siano confermati nei ruoli, subito, a tempo indeterminato e determinato, anche attraverso la riapertura delle Gae per tutto il personale in possesso di abilitazione".

Sciopero delle maestre per l'otto gennaio. Flc-Cgil e Cisl sucola reclamano una "soluzione politica". Deciderò in piena autonomia. "Su tutta la vicenda della sentenza del Consiglio di Stato mi sembra ci sia un allarmismo ingiustificato. A furia di usare ricorsi anziché l'applicazione della legge si creano situazioni di difficoltà per la scuola, per la continuità didattica, quindi per gli studenti, per le famiglie e anche per le singole persone". Il ministro dell'istruzione prende poi una posizione precisa in merito all'ipotesi che, chi non è laureato ed è stato assunto, possa perdere il posto: "In assenza dei nuovi giudizi di merito che prima o poi arriveranno come ministero abbiamo chiesto all'Avvocatura generale dello Stato una interpretazione corretta della sentenza". Almeno, per quanto riguarda gli istituti del primo ciclo: infanzia e primaria. Per ottenere l'assunzione atempo idneterminato occorre passare un concorso.

Latest News