Inter, le ultime ei convocati per il match con la Fiorentina

Inter, le ultime ei convocati per il match con la Fiorentina

Inter, le ultime ei convocati per il match con la Fiorentina

"In questa settimana ci sono successe diverse situazioni contrarie, con l'influenza di Nagatomo e Ranocchia che ha giocato col dolore al costato, dandoci il massimo della disponibilità per dare il suo contributo". In altri siamo stati al di sotto, perdendo troppi palloni facili. Quest'anno la posizione, fino a ieri sera, è ancora la terza, ma potenzialmente potrebbe essere la quinta in attesa dei recuperi di Roma e Lazio; i punti in più sono solo 6 della scorsa stagione, frutto di 12 vittorie, 5 pari e 2 sconfitte, i gol segnati sono 35 e quelli incassati 15, Icardi ha segnato 18 gol e Perisic 7. Poi ci manca un po' di spirito, di forza nei duelli. "Devo dirvi che quelli che ho non sono buoni e ne voglio altri?" Abbiamo creato due o tre occasioni, ma abbiamo fatto girare la palla troppo lentamente e con poca personalità. Le difficoltà ci sono, Nagatomo ha giocato con la febbre, quando ha provato a uscire gli sono saltati addosso.

Ds Verona: "Caceres, non c'è nulla con la Lazio. Kean..."
Variazione di programma: la seduta di domani a porte chiuse è stata anticipata dalle 11.30 alle ore 11. Ha un'intelligenza calcistica superiore, ma parliamo di due calciatori forti.


Ora che me l'avete fatto dire che cosa avete vinto? Non credo. Tutte le palle giocate da Laurini su Chiesa non riuscivamo ad arrivarci con i centrocampisti, per cui la palla andava lasciava andata al francese, non mi è riuscito di farlo capire ai miei giocatori. Abbiamo subito il pareggio sul finale contro una Fiorentina tosta e che sa stare bene in campo. Santon si sta allenando ma sicuramente deve migliorare. Le solite domande sulla rosa corta e sul mancato, per ora, supporto dal mercato per noti motivi, hanno impazientito non poco il tecnico di Certaldo, che ha abbandonato il suo solito aplombe. Bisogna lavorare e bisogna vincere, bisogna essere credibili nello spogliatoio, mica piangerò perché manca un giocatore. La qualità delle persone si vede dalle domande: se fate settecento volte la stessa, c'è un problema. Non ci siamo riusciti, loro hanno forzato e noi non abbiamo mantenuto le distanze. "Lo sa anche mia mamma che ha 80 anni ed è a casa".

Latest News