Spotify: quotazione in borsa e grossi cambiamenti in vista

Spotify: quotazione in borsa e grossi cambiamenti in vista

Spotify guarda alla Borsa, quotazione a fine marzo

Un fine anno con il botto quello di#spotify.

Wixen Music Publishing, gestisce i diritti per 200 artisti, tra cui Tom Petty, Neil Young, Donald Fagen di Steely Dan, Rivers Cuomo di Weezer, Stevie Nicks e altri. Tale 'comportamento' avrebbe prodotto danni per almeno 1,6 miliardi di dollari. La causa è stata archiviata il 29 dicembre nel tribunale federale della California. Come spiega Variety, la società americana ha accusato il noto servizio di streaming di utilizzare migliaia di canzoni senza la licenza corretta. Spotify e' stata accusata in passato da soggetti dell'industria discografica e a maggio ha proposto un indennizzo di 43 milioni di dollari ad un gruppo di autori. Secondo l'editore, inoltre, parte del problema è da ricercarsi nell'assegnazione delle trattative sui diritti alla Harry Fox Agency, che non "ha i giusti mezzi per ottenere le necessarie licenze per la riproduzione meccanica".

Parlamentarie M5S, tanti volti noti: c'è anche il comandante De Falco
Intanto si sa che, solo per rimanere ai rappresentati del vecchio direttorio, a parte Alessandro Di Battista che non corre, si ricandideranno Carlo Sibilia e Carla Ruocco.


Spotify, in risposta alla causa, ha accusato Wixen di non aver fornito ai suoi clienti sufficiente tempo per scegliere di non partecipare all'azione legale.

Latest News