Berlusconi esclude per Maroni posti di governo

Tensione Fi Lega su candidato Lombardia. Salvini chiude a Maroni

Berlusconi: “Sondaggi per la Lombardia, vedremo se meglio Fontana o Gelmini”

Per capire la velocissima parabola di Maroni che nel giro di una mezza giornata è passato da potenziale "riserva della Repubblica" a privato cittadino che non sarà nel prossimo eventuale governo di centrodestra, bisogna aver presente il livello di ostilità che evidentemente esiste nella Lega tra il leader Salvini e l'ormai quasi ex Governatore della Lombardia, ultimo esponente di quella Lega di Bossi che appartiene al passato e che Salvini ha cancellato. Però mancano due mesi alle elezioni. Niente da fare: Maroni non si ricandiderà in Lombardia e non pensa al governo. Attesa di un posto a Roma?

Berlusconi è netto: "Lo escludo nella maniera più assoluta - risponde stamani il presidente di Forza Italia a Radio Capital - se ha questi motivi personali, queste ragioni famigliari che lo hanno spinto a scegliere di non candidarsi è impensabile che si possano ipotizzare per lui dei ruoli politici e tantomeno nel governo futuro". "La loro finta democrazia diretta maschera, come tutti sanno, il potere effettivo di pochissime persone - ha avvertito - è lo stesso centralismo democratico dei vecchi partiti comunisti, governato in questo caso da un politburo molto ristretto, costituito da un vecchio comico, un oscuro professionista della comunicazione, e forse la figurina Di Maio". Non c'è solo Berlusconi che sogna il 45 per cento. Il leader di Forza Italia ha poi commentato: "Essere europeisti oggi non significa fare retorica sull'Europa o fingere che tutto vada bene, significa lavorare concretamente per trasformare l'Europa in un grande spazio di libertà: un'Europa dei popoli e non contro i popoli, basata sui comuni valori cristiani e liberali, capace in nome di questi valori di una politica estera e di difesa davvero comune".

Scoperto magma sotto l'Appennino: rischio forti scosse di terremoto
Gli esperti [VIDEO ] hanno valutato la struttura e la sismicità delle catene montuose monitorando la risalita di gas e magmi . In pratica nella parte più profonda della crosta terrestre ci sono processi di fusione che producono magma .


Berlusconi esclude larghe intese con il PD. Finché non ci sarà una maggioranza in grado di esprimere un nuovo governo, ovviamente andrà avanti il governo Gentiloni. E comunque il problema non si porrà. "Il collasso vero e proprio della nostra capitale è l'emblema di quello che succederebbe se governassero in Italia". "I grillini assegnerebbero responsabilità di governo a magistrati che sono i portabandiera del peggiore giustizialismo e dell'uso politico della giustizia. Ma noi li fermeremo".

Latest News