Berlusconi e Salvini "scaricano" Maroni: non può fare il premier

Berlusconi

Berlusconi

Rischiava di saltare l'accordo di Arcore tra Berlusconi e Salvini se Maroni avesse mantenuto una posizione di potenziale candidato a un posto di governo: lui stesso aveva addirittura lasciato intendere che perfino Palazzo Chigi (dopo il Viminale nel primo governo Berlusconi e il Pirellone negli anni successivi) avrebbe potuto essere un traguardo appropriato.

Torniamo alla Lombardia. Il candidato è Attilio Fontana, ex sindaco di Varese, ex presidente del consiglio regionale lombardo, uomo mite, non troppo noto, nella geografia interna della Lega legato a Giorgetti, anche se non convince fino in fondo Forza Italia, che spinge per la Gelmini.

Ma della candidatura lombarda parleremo tra un po'. Sulla stessa linea il segretario della Lega, Matteo Salvini: "Se lasci il tuo incarico in Regione Lombardia, che vale molto di più di tanti ministeri, evidentemente in politica non puoi più fare altro", ha detto ai microfoni di Radio 24.

Detenuto dichiarato morto si risveglia mentre stanno per fargli l'autopsia
Il corpo di Maccari giaceva a terra coperto da indumenti sporchi. Invece da quel bilocale non è più uscito. Non c'è stata dunque una rapina.


"Ribadisco quello che ho detto ieri - ha detto ancora Maroni -, ho deciso di non ricandidarmi per ragioni personali e ho dato la mia disponibilità, ma non ho chiesto e non chiedo nulla, non pretendo nulla, non mi candido a nulla, se non a una nuova vita". Ma per la corsa alla Regione Lombardia ora Forza Italia rimette tutto in discussione.

Il centrodestra trainato da FI è in crescita continua e per alcuni ha raggiunto la quota del 40%. Berlusconi ha poi spiegato: "Il mio candidato premier non lo posso dire adesso, ma assicuro che è un super candidato" (leggi anche: Maroni molla la Lombardia, vuole fare il premier). È una semplice constatazione tecnica, non un giudizio politico. Il Movimento 5 Stelle si scaglia contro Vespa e Fazio: in questi giorni i 5stelle presenteranno gli emendamenti per escludere dalla campagna elettorale presentatori tv che non hanno contratto giornalistico. "Il problema non sono le tipologie contrattuali o l'articolo 18. Avremo la maggioranza noi". Ho fatto il nome di Draghi per indicare il profilo di un futuro, possibile, ministro del governo di centrodestra. "Non mi risulta purtroppo che il presidente della Bce sia interessato ad avere un ruolo di governo", precisa.

Latest News