Consip, indagini prorogate per Lotti, Tiziano Renzi e altre 10 persone

Campagna promozionale IREN su fornitura di energia agli spezzini le precisazioni di ACAM

Consip, indagini prorogate per Lotti, Tiziano Renzi e altre 10 persone

Altri sei mesi per indagare sul caso Consip È quello che ha chiesto la procura di Roma al giudice per le indagini preliminari Gaspare Sturzo.

Lotti è accusato di violazione del segreto istruttorio e favoreggiamento, per le informazioni arrivate ai vertici Consip durante le indagini sulla centrale acquisti della pubblica amministrazione. L'indagine, a questo punto, è destinata a chiudersi dopo le elezioni del 4 marzo. Ognuno di loro potrà presentare una propria memoria entro cinque giorni dalla notificazione. Il procuratore aggiunto Paolo Ielo e il pm Mario Palazzi hanno chiesto al gip di prorogare gli accertamenti sul conto dell'attuale ministro dello sport di altri sei mesi. In particolare, la proroga è stata richiesta anche per Tiziano Renzi, padre dell'ex premier Matteo, il comandante generale dei carabinieri Tullio Del Sette e l'ex comandante della Legione Toscana dell'Arma, Emanuele Saltalamacchia. Il fascicolo passò subito a Roma per competenza e il 27 dicembre il ministro si presentò a Piazzale Clodio per essere sentito dagli inquirenti.

L'iscrizione di Lotti risale al 21 dicembre del 2016 e fu fatta dai pm di Napoli Henry John Woodcock e Celeste Carrano alla luce delle dichiarazioni fatte dall'ex ad di Consip, Luigi Marroni.

Castan: "Sono nella squadra giusta. Pronto per giocare da subito"
PRESTITO - "La formula del mio trasferimento? Anche Radja Nainggolan mi ha detto di venire in rossoblù". Non so cosa succederà fra sei mesi, la vita cambia così rapidamente e la mia esperienza me lo insegna.


Per quanto riguarda la "natura degli accordi illeciti tra Romeo e Russo, il ruolo di Bocchino e di Tiziano Renzi, sono invece corso riscontri sui tabulati telefonici e attività di raccolta di informazioni da parte di persone informate sui fatti".

Nelle lista degli indagati per i quali è stata chiesta una proroga di indagine figurano, infine, l'ad di Grandi Stazioni, Silvio Gizzi, l'ex ad di Consip, Domenico Casalino, l'ex presidente di Consip, Luigi Ferrara, il dirigente Francesco Licci, e il presidente Publiacqua, società partecipata del Comune di Firenze, Filippo Vannoni: questo perché, secondo chi indaga, intorno all'ipotesi di turbativa d'asta riferita alle gare Consip e Grandi Stazioni, è ancora in corso una complessa attività di analisi della documentazione a suo tempo acquisita.

Latest News