Lactalis: 83 paesi a rischio salmonella, non c'è l'Italia

Lo stabilimento di Craon del gruppo Lactalis

Lo stabilimento di Craon del gruppo Lactalis

Intanto il Ceo di Lactalis, Emmanuel Besnier, ha provveduto a ritirare dal mercato ben 12 milioni di confezioni del suo prodotto che, nelle settimane successive dello scandalo, era ed è ancora presente sugli scaffali di molti supermercati. Il Codacons si dichiara "pronto ad una class action contro Lactalis" per il caso del latte in polvere per neonati contaminato da salmonella. E a proposito delle "centinaia" di denunce presentate dai genitori di neonati in tutta la Francia, Besnier ha assicurato che non avrebbe nascosto nulla. Lactalis, che in Italia controlla Parmalat, ha precisato che i prodotti interessati non sono commercializzati in Italia, ma su questo il Movimento Difesa del Cittadino chiede una posizione ufficiale da parte del Ministero della Salute. A nulla, infatti, è valsa la "raccomandazione", o meglio dire l'allarme delle autorità competenti che avevano preso, come misura d'intervento, il tempestivo ritiro dal mercato dei lotti contaminati, in quanto recentemente si è scoperto che il prodotto ha continuato ad essere venduto regolarmente all'interno di alcuni esercizi commerciali.

Si allarga l'allarme per i casi di salmonella dovuti a partite di latte in polvere per bambini prodotti dalla francese Lactalis:i Paesi coinvolti sono almeno 83 e sono state ritirate 12 milioni di confezioni del prodotto.

"Siamo molto preoccupati. Non sappiamo ancora quale sia la portata di questo caso, ma le confezioni in circolazione nei punti vendita sono state ritirate e quel latte in polvere non verrà più distribuito". Besnier ha anche promesso di risarcire "tutte le famiglie che hanno subito danni".

"Missile in arrivo, fuggite": Hawaii, scoppia il panico per un falso allarme
Non c'è nessuna minaccia contro lo stato delle Hawaii", recita il sito del dipartimento di polizia di Honolulu. Questa non è un'esercitazione", si leggeva nel messaggio, tutto in lettere maiuscole.


Il Gruppo si avvale di oltre 3.000 collaboratori e con Spa Egidio Galbani conta 5 stabilimenti in Italia, tutti con le linee produttive certificate secondo il BRC Global Standard Food e con la certificazione ambientale UNI EN ISO 14001. Questi gruppi della grande distribuzione hanno ammesso "errori" ma accusano Lactalis di "confusione" nella gestione della crisi, per aver trasmesso in modo errato i riferimenti dei prodotti a rischio. Il gruppo Lactalis impiega 75.000 persone in tutto il mondo.

Nell'ambito dello scandalo Lactalis, per il richiamo di latte per bambini potenzialmente contaminato, "chi deve essere punito sarà punito". Le associazioni dei consumatori sono sul piede di guerra.

"Ci sono lamentele, ci sarà un'indagine, collaboreremo con la giustizia dando tutti gli elementi che saranno richiesti".

Latest News