Alain Delon: "Farò morire il mio cane insieme a me"

Alain Delon:

Alain Delon: "Farò morire il mio cane insieme a me"

Certamente, anche se l'attore ha mostrato il suo grande amore per il suo fidato pastore belga, c'è da dire che - in alternativa alla morte - potrebbe trovargli una famiglia che possa prendersi cura di lui, permettendogli di vivere la sua vita fino in fondo. Delon non ha nascosto una stanchezza verso la vita e il desiderio di lasciare un mondo che "odia", convinto di andarsene senza rimpianti. Se dovesse morire prima di me, non prenderò altri cani. Gli farà una iniezione letale in modo che se ne vada tra le mie braccia. Preferirei questo piuttosto che lasciarlo morire di dolore sulla mia tomba.

Immediato il polverone mediatico: pochi quelli che condividono le parole dell'attore, tanti quelli che lo accusano di crudeltà.

Liliana Segre, da sopravvissuta ad Auschwitz a Senatrice a vita
Fermata dalle guardie alla frontiera, viene arrestata con la famiglia l'11 dicembre a Selvetta di Viggiù, in provincia di Varese. Dopo l'intensificazione della persecuzione degli ebrei italiani, suo padre la nascose presso amici, utilizzando documenti falsi.


"Faccia d'angelo", come era soprannominato l'attore, vive da solo con Loubo e un gatto a Douchy, in una villa nella foresta della Valle della Loira di cui ha aperto le porte al settimanale francese. Ha suscitato un dibattito in Francia la decisione di Alain Delon di di far sopprimere il suo cane, se dovesse morire prima di lui.

L'attore ha già chiesto e ottenuto l'autorizzazione per farsi seppellire nella cappella della sua tenuta, in cui già riposano 35 suoi cani. Mentre qualcun'altro scherza: "Ma se il suo cane dovesse morire prima di lui, si può sopprimere Alain Delon?". I figli Anthony Alain-Fabien e Anouchka vivono lontani, quindi la compagnia dei due animali è fondamentale per l'attore, che aveva meditato anche il suicidio per una depressione latente. "Per coerenza dovrebbe succedere lo stesso a parti invertite se muore prima il cane...", è un duro messaggio postato su Twitter dalla Lav (Lega Anti Vivisezione) di Modena. Ho una cappella sulla mia proprietà, intorno a questa sono sepolti 35 dei miei cani. Ma proprio questa dichiarazione e la pretesa di sapere cosa sia meglio per il suo cane ha indignato i lettori della rivista e, di conseguenza, tutti coloro che ne sono venuti a conoscenza dai social. E non ha intenzione di farlo neppure dopo la morte, al punto tale che se morisse lui prima del suo amico a quattro zampe, farebbe praticare l'eutanasia per portarlo con sé.

Latest News