Governo/ Via libera del governo al contratto degli statali

Governo/ Via libera del governo al contratto degli statali

Governo/ Via libera del governo al contratto degli statali

Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera alla firma dell'ipotesi di accordo per il rinnovo del contratto per i dipendenti delle amministrazioni pubbliche. Per l'operatività resta un passaggio: il vaglio della Corte dei Conti. Se si va spediti l'una tantum potrebbe arrivare a febbraio.

Per l'esercito dei dipendenti in questione, ci sono in ballo scatti di anzianità e arretrati: dai 370euro della fascia più bassa ai 712 della più alta (media 492).

L'intesa prevede, per la parte economica, un aumento medio di 85 euro; gli arretrati contrattuali per il periodo 2016-2017;lo stop ai premi a pioggia e la salvaguardia del bonus di 80 euro in busta paga.

Mercato Juventus, ultime notizie in tempo reale: Mattia Perin
Non avrei problemi comunque in una squadra con un altro portiere forte . "Rimanendo rocciosi e affrontandoli con grande coraggio". Da Gigio (Donnarumma) che avrà un futuro luminoso, ai vari Sirigu, Cragno e Sportiello, oltre a tanti giovani in serie B.


Fatture, arriva lo spesometro semplificato: "Slitta la scadenza di febbraio". La ministra della Pubblica amministrazione, Marianna Madia, su Twitter ha scritto: "Dopo il Cdm di oggi via libera al pagamento degli arretrati e degli aumenti previsti dal nuovo #contratto per la #PA centrale". Intanto l'Aran è ancora al lavoro per gli statali che ancora attendono il nuovo contratto, quelli del comparto scuola e di sanità ed enti locali. Dopo l'ok della Ragioneria generale dello Stato, adesso manca soltanto il disco verde della Corte dei Conti, dopodiché l'accordo definitivo verrà nuovamente firmato dall'Aran e dalle sigle sindacali. Da quel giorno il contratto sarà poi efficace.

"L'Aran - spiega Madia al giornale Radio Rai - non si è mai fermata, in particolare sta lavorando molto sul comparto conoscenza che ha dentro la scuola".

L'impresa non riuscirà per gli aumenti a regime, che insieme all'"elemento perequativo" (cioè il tassello aggiuntivo da 20-25 euro previsto nel 2018 per i livelli di inquadramento più bassi) dovrebbe affacciarsi solo a marzo. Solitamente, per fare in modo che gli stipendi arrivino entro la fine del mese è necessario che le operazioni partano a inizio mese, motivo per cui i tempi sono abbastanza ridotti. "Ma stiamo portando avanti anche lo sblocco di questo contratto", ha concluso.

Latest News