Alberto Angela, ecco la gaffe che fa infuriare il Veneto

“Meraviglie” alla Rai, si scatena l'indignazione

"Molti mi hanno scritto e telefonato lamentandosi per il programma", prosegue il presidente della Provincia, "e in molti sostengono che Angela abbia citato solo il Trentino Alto Adige perché le due Province hanno pagato". A arrabbiarsi sono stati gli amministratori di Regione e Provincia contro la puntata di mercoledì scorso di "Meraviglie" su Ra1 che, secondo le accuse, avrebbe fatto tappa in terra dolomitica, girando tutto il servizio in provincia di Trento e con qualche citazione per Bolzano. Io non voglio credere che sia così, perché se la televisione di Stato indirizza l'informazione per convenienza economica è molto più che grave. "Ma il 46% delle Dolomiti Unesco si trova in Veneto, e più precisamente nel Bellunese". Ma la ragione sta nel sapere accettare le differenze che sussistono nella storia dell'umanità, appiattirle significherebbe distruggere quel patrimonio culturale che tanto appassiona Alberto Angela.


Alberto Angela vs Provincia di Belluno/ Le accuse dopo il servizio sulle Dolomiti: XXX

"Se invece si tratta di disinformazione, sarebbe meglio che qualcuno rimediasse". "Ma verificheremo, i modi ci sono". Certamente lui continua a rimanere mio papà, e rimane inarrivabile, perché quello che è riuscito a fare, aprire una via nella divulgazione della scienza, ma non solo, anche dell'economia e della medicina... Anche l'associazione Vivaio Dolomiti non è d'accordo con quanto proposto in tv da Angela. Il noto conduttore e divulgatore ha raccontato la Grande Guerra sulle Dolomiti, la storia geologica dell'area grazie al Museo di Predazzo, ed ha mostrato a milioni di spettatori sintonnizzati su Rai 1 il panorama che si gode dalla cima del Sass Pordoi. Le Dolomiti. Il programma è dedicato al patrimonio Unesco in Italia, e l'altra sera si è occupato appunto delle Dolomiti. Sono il padre di Alberto Angela.

Nel M5S passa la linea Di Maio "Faremo un governo di scopo"
Beppe Grillo e Luigi Di Maio smentiscono le ipotesi di dissenso interno e ribadiscono che il panda Cinquestelle "non mangia carne".


Latest News