Manita da Champions: la Lazio batte il Chievo ma perde Immobile

SuperNews

SuperNews

RETI: 23' pt Luis Alberto, 25' pt Pucciarelli, 32' pt Milinkovic-Savic; 23' st Milinkovic-Savic, 38' st Bastos, 42' st Nani. Così al 68′ è la Lazio a segnare ancora: gran palla di Lucas Leiva, nuovamente positivo, e sforbiciata di Sergej Milinković-Savić che col sinistro impallina di nuovo Sorrentino sul primo palo, ma stavolta il portiere è esente da colpe.

Il Chievo ci prova ma Milinkovic - Savic spegne i sogni di rimonta.

Chievo Verona: Sorrentino 5; Cacciatore 5, Bani 5, Tomovic 5, Gobbi 4,5; Bastien 6 (85′ Garritano s.v.), Radovanovic 6, Hetemaj 5,5; Birsa 6 (75′ Leris 5,5); Stepinski 5 ( 61′ Pellissier 5,5), Pucciarelli 6,5. A sostegno dell'unica punta Immobile, i due trequartisti Luis Alberto e Milinkovic-Savic.

Escursionista di Rapallo muore sulle Alpi Apuane cadendo in un dirupo
Le squadre, una volta raggiunto il luogo dell'incidente, si sono rese conto della gravità della situazione. L'uomo era in condizioni disperate.


Dopo i cinque gol alla SPAL anche il Chievo fa la stessa fine. Ma la Lazio non si accontenta. Il primo tempo finisce dunque sul 2-1 a favore degli uomini di Inzaghi. Stepinski e Radovanovic riescono a portare dei pericoli alla porta di Strakosha, e la difesa della Lazio si fa schiacciare pericolosamente indietro. Sul vantaggio della Lazio, Inzaghi ne ha approfittato per sostituire Immobile (35'), mettendo dentro Felipe Anderson. Sia Marusic, sia Felipe Anderson hanno avuto la possibilità di incrementare il vantaggio biancazzurri. Ma prima dell'intervallo a rischiare di trovare il pareggio è il Chievo che si vede assegnare un calcio di rigore per un presunto fallo di Lulic su Stepinski poi annullato dallo stesso arbitro dopo l'intervento del Var. Nel secondo tempo il Chievo è tornato in campo niente affatto rassegnato, anzi. Ma i tifosi non si devono preoccupare, Parolo e compagni hanno dimostrato di poter cavarsela benissimo anche senza il loro capocannoniere. La Lazio fatica a costruire gioco, Inzaghi allora toglie Lulic (ammonito) e butta nella mischia Lukaku. Chi incanta e convince a suon di gol, invece è la Lazio di Simone Inzaghi. A questo punto c'è il rischio che giocando sul dolore Immobile possa aver complicato la sua situazione: ricordiamo che in questa stagione l'attaccante biancoceleste ha saltato una sola partita per infortunio, quella di Europa League contro il Nizza (in casa) più che altro a scopo precauzionale, visto che la sua squadra aveva vinto le prime tre gare del girone ed era praticamente già qualificata ai sedicesimi. Ancora una volta, una deviazione avversaria cambia la traiettoria della sfera e mette fuori causa Sorrentino, 4-1 e festa grande dei biancocelesti.

Nani: "Tutto ciò è frutto del lavoro dell'allenatore".

Latest News