Roberto Spada rinviato a giudizio

Ostia, Roberto Spada rinviato a giudizio

Ostia, aggressione giornalista: chiesto processo per Spada

I due sono accusati di lesioni e violenza privata aggravate dal metodo mafioso. Il 30 marzo inizierà il processo davanti alla nona sezione penale del tribunale di Roma.

Ostia, Roberto Spada rinviato a giudizio
Aggressione ai giornalisti Rai, Spada e il complice a processo il prossimo 30 marzo

I fatti al centro dell'indagine risalgono al 7 novembre, quando il giornalista Daniele Piervincenzi e il cameraman Edoardo Anselmi sono stati aggrediti mentre stavano realizzando un'intervista a Ostia sui rapporti tra il clan Spada e CasaPound. A questa domanda - era scritto nel decreto di fermo dell'aggiunto Michele Prestipino e del pm Giovanni Musarò - Spada aveva reagito "ostentando in maniera evidente e provocatoria una condotta idonea ad esercitare sui soggetti passivi quella particolare coartazione e quella conseguente intimidazione propria delle organizzazioni mafiose". Piervincenzi dal presidio ha detto di non nutrire rancore nei confronti di Roberto Spada. "La mia preoccupazione va al territorio, serve attenzione - prosegue il giornalista - Ostia non va abbandonata, ce lo chiedono i cittadini. L'ammissione delle parti civili è un segnale importante per la difesa della categoria e della libertà di stampa". "Nessun cronista è più solo nel far fronte alle intimidazioni e alle minacce di chi vorrebbe impedire ai colleghi di svolgere il loro lavoro al servizio dell'opinione pubblica", commentano Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, segretario generale e presidente della Fnsi. Federazione nazionale della stampa (Fnsi), il sindacato dei giornalisti, e il Consiglio nazionale dell'Ordine professionale, rappresentati dall'avvocato Giulio Vasaturo, hanno annunciato di volersi costituire parte civile nel procedimento.

Salvini contro Berlusconi: "Se il 3% imposto dall'Ue ci danneggia non esiste"
Per Falasca la Lega è pronta a far saltare i parametri europei di finanza pubblica, trascinando l'Italia in una nuova spirale di debito e alti interessi "come quella che abbiamo vissuto nel 2011".


Latest News