Salvini contro Berlusconi: "Se il 3% imposto dall'Ue ci danneggia non esiste"

Volontà che però il leader della Lega non condivide, affatto: "Il numerino 3, se danneggia le imprese e le famiglie italiane, per noi non esiste".

"Se ci sono regolamenti Ue che danneggiano le famiglie italiane quei regolamenti per il governo Salvini non esistono: come la Bolkestein, la direttiva Banche", puntualizza, citando il "punto tre" del programma del centrodestra.

Inter: non basta Rafinha, Spalletti deluso sbotta con Suning
Il cammino dobbiamo farcelo noi, passo dopo passo. "Sia Inter che Roma cercano un risultato importante perché ne hanno bisogno". Si fanno le cose timidamente e non si prendono certe responsabilità rispetto alla posizione che vogliamo raggiungere.


La regola del limite del 3% del rapporto deficit/Pil divide ancora Matteo Salvini e Silvio Berlusconi.

"I vincoli europei sono una gabbia, noi vogliamo aprirla e se ci riusciremo con l'accordo di tutti saremo felicissimi". Se fossimo invece sotto ricatto, per noi verrà prima l'interesse nazionale. "Ci prepariamo a difendere l'interesse nazionale come abbiamo sottoscritto nel programma del centrodestra con la prevalenza della Costituzione sull' ordinamento Ue". "Se non ci chiamassimo Lega, ci chiameremmo +Italia", ha concluso. "Un Paese che non controlla la sua economia, il suo lavoro, la sua moneta, non è completamente libero", ha poi detto Salvini nel corso di una conferenza stampa alla Camera. Per Falasca la Lega è pronta a far saltare i parametri europei di finanza pubblica, trascinando l'Italia in una nuova spirale di debito e alti interessi "come quella che abbiamo vissuto nel 2011". Noi per difendere il lavoro e il risparmio degli italiani non neghiamo a priori nessuna possibilità. Roberto Lo ha rilevato Roberto Giachetti del Pd che su twitter ha scritto: "Berlusconi rassicura l'Europa sul rispetto del 3% e Salvini subito lo smentisce". "L'euro è un esperimento fallito", ha ribadito il segretario del Carroccio.

Latest News