Tre giornate di squalifica a Gentile, pronto il ricorso Virtus

La Virtus più bella tra basket e cazzotti

Condividi

La mega-rissa durante i minuti finali della partita tra la Virtus Segafredo Bologna e la Dolomiti Energia Trento ha avuto come conseguenza le tre giornate di squalifica inflitte ad Alessandro Gentile. L'affermazione contro la Reggiana è stata quella che ha permesso di arrivare a giocarsi la Coppa Italia: partita male, Bologna ha saputo rimontare e ha trovato finalmente linfa anche dalla panchina, con un totale di 35 punti arrivati dal pino grazie soprattutto a Umeh (13) e Filippo Baldi Rossi (14), che può essere l'addizione decisiva a stagione in corso. Inoltre il Gentile continuava a minacciare e a cercare di entrare in contatto con l'avversario, agitando il pugno nei suoi confronti, fatto che non degenerava per l'intervento, non agevole, da parte degli altri giocatori.

Fuga di gas in una scuola elementare di Melegnano: evacuati 270 bambini
Il gas odorizzante si dissolve autonomamente, per cui non sono state necessarie altre attività da parte dei vigili del fuoco. I 270 allievi e l'intero corpo docenti dell'istituto in via Lazio sono stati fatti allontanare intorno alle 15.30.


Dominique Sutton, anche lui espulso, squalificato "per 1 gara perché a seguito di una rissa oltrepassava l'area della panchina". Fatto che non degenerava per il pronto intervento dei dirigenti presenti. "Sostituita con ammenda di Euro 3.000,00". Provvedimento sostanzialmente giusto nella forma visto che Gentile paga anche la recidiva, ma assolutamente iniquo nelle proporzioni tanto da spingere la Virtus a presentare immediato ricorso. Gara impegnativa perla squadra di coach Buscaglia, che dovrà affrontare e tenere a bada giocatori del calibro di Stefano e Andrea Gentile, oltre l'estro offensivo di Pietro Aradori.

Latest News