Brescia, arrestato per rapina il figlio del procuratore capo

Tommaso Buonanno ex procuratore capo di Lecco ora a Brescia

Tommaso Buonanno ex procuratore capo di Lecco ora a Brescia

L'uomo, 32 anni, avrebbe partecipato a una rapina in un supermercato a Zogno, in provincia di Bergamo, alla fine dello scorso gennaio. Già il primo febbraio i militari arrestarono, a Seriate, un membro della banda; fermato Buonanno, rimane da arrestare l'ultimo membro che partecipoò alla rapina, attualmente latitante.

Buonanno sarebbe entrato in azione con altri due complici armati di bastone e pistola. Il giorno della rapina, tramite le immagini riprese dalle telecamere di videosorveglianza della zona, era stata letta la targa con cui il 32enne aveva raggiunto il punto vendita. Secondo le prime ricostruzioni sembrerebbe che Buonanno abbia impugnato una mitraglietta durante la rapina.

Sparatoria in un bar nel Milanese, due feriti
Ma il cinese ha afferrato un coltello e si è scagliato contro di loro, riuscendo a colpirli in diverse parti del corpo. A quel punto i pregiudicati hanno iniziato a sparare con due pistole calibro 22.


Il figlio del procuratore capo di Brescia era entrato nel supermercato con un mitra, intimando ai dipendenti di consegnargli l'incasso della giornata. Gianmarco Buonanno che compirà 33 anni a marzo si trova nel carcere di Bergamo. L'anno scorso, il fratello minore di Gianmarco, era stato coinvolto in un'indagine per un giro di spaccio di droga tra gli ultrà dell'Atalanta.

Latest News