Meloni-Greco: perchè tutti parlano del Museo Egizio

Sconti per gli arabi al Museo Egizio il direttore Christian Greco annienta Giorgia Meloni “l'Egizio è di tutti

Sconti per gli arabi al Museo Egizio il direttore Christian Greco annienta Giorgia Meloni “l'Egizio è di tutti

"Christian Greco ha offerto il biglietto d'ingresso e due pubblicazioni del Museo Egizio (Storia del Museo e Catalogo Ufficiale) a Giorgia Meloni, che oggi ha scelto di presentare i candidati di Fratelli d'Italia di fronte all'istituzione di Via Accademia delle Scienze - si legge nel comunicato -". Azione che, naturalmente, per chi non riesce nemmeno a usare la parola fascista in segno di condanna, per chi non fa altro che sobillare i peggiori istinti degli italiani, cavalcarne le paure a ogni piè sospinto, non varrà nulla perché basata sulla ragione, sul pensiero, sul confronto. Il direttore del Museo Egizio li ha incontrati cercando di ribadire l'intento e i principi, ma c'è stato poco da fare. Quindi ha preso le difese di Greco spiegando anche lui come la sua scelta di adottare determinati sconti si sia mischiata ad altre promozioni in atto. Giorgia Meloni e Fratelli d'Italia hanno messo nel mirino Christian Greco, il direttore del Museo Egizio di Torino che ha studiato ance un ingresso omaggio per i visitatori arabi. Un ruggito da campagna elettorale tutta e tosta "prima gli italiani".

Solidarietà a Greco anche da parte del Mibact: due comitati tecnici scientifici hanno divulgato una lettera nella quale esprimono sostegno al direttore. Il direttore, spiegando pacatamente come si fa coi bambini piccoli, ha replicato alla Meloni: "Siamo il primo museo archeologico d'Italia, dialoghiamo con tutti e facciamo attività pubblica di inclusione per avvicinare il più possibile il pubblico al museo". "Il ministro Franceschini non ha niente da dire in merito alla debordante dichiarazione di alcuni dirigenti del Mibact?" segue Fabio Rampelli, capogruppo di Fratelli d'Italia alla Camera dei Deputati, "Promuovere politiche culturali non consente loro di entrare nell'agone politico con affermazioni che esulano dal loro compito". Terza: non è proprio educato, soprattutto da quel pulpito con i suoi antenati politici, promettere che una volta al governo quelli della cultura li sistemo io.

Olimpiadi invernali, "libera" rinviata e Carolina Kostner incanta tutti
La prova - una delle più attese di queste Olimpiadi - è stata rinviata a giovedì a causa del forte vento di Pyeongchang , che avrebbero reso impraticabile la discesa .


"Sono dichiarazioni di inaudita gravità che tradiscono la natura intollerante di costoro; sarebbe bene che i loro alleati in doppiopetto berlusconiano si pronunciassero", ha detto Sergio Chiamparino, presidente della Regione Piemonte. Arriva però la smentita da parte di Federico Mollicone, responsabile della comunicazione di FdI: "Non ho mai scritto di voler cacciare nessuno tanto meno il direttore del Museo Egizio che so bene essere stato nominato dopo selezione internazionale". Intanto, da Renzi a Franceschini, non sono mancate in questi giorni manifestazioni d'appoggio al direttore del'Egizio: "Ho dato personalmente ieri sera la mia solidarietà a Christian Greco, Per il resto condivido dalla a alla zeta ciò che scrive il Ministro, bravo Dario", così su Twitter il segretario del PD, Matteo Renzi. "Se qualcuno pensa di attribuirmi affermazioni che non ho fatto dovrà rispondere in tutte le sedi". Noi valuteremo le persone sui risultati. E' proprio vero: "il lupo perde il pelo ma non il vizio".

Latest News