Rammarico Donadoni: "Potevamo fare risultato con l'Inter. E ci manca un rigore"

Rammarico Donadoni:

Rammarico Donadoni: "Potevamo fare risultato con l'Inter. E ci manca un rigore"

"Ci sono tuttavia componenti dentro questo regolamento e mi sembra che lui abbia voluto dire che applaudiva chi lo fischiava - ha evidenziato Spalletti - Poi lo andrò a rivedere". Sofferenza? Ribaltare questi momento non è facile per nessun calciatore. Nel prossimo turno l'Inter sarà di scena nella delicata trasferta di Marassi contro il Genoa, con i rossoblu di Ballardini in netta crescita e reduci da due vittorie consecutive contro Lazio e Chievo in trasferta.

ARBITRO - La direzione odierna è affidata al 39enne romano Paolo Valeri, arbitro esperto che ha collezionato 153 partite in Serie A dal 2007 ad oggi. La cosa triste è che abbiamo fatto una buona partita, abbiamo perso e abbiamo fuori tre giocatori importanti come Masina, Mbaye e Palacio. Decisivo il gol iniziale di Eder e la rete del 2 a 1 a metà ripresa del giovane Karamoh, autore di un'ottima prestazione.

Sanremo 2018, mistero sul marito di Michelle Hunziker:ecco cos'è successo
Speriamo che la conduttrice possa rifarsi questa sera con Moschino , e nell'ultima serata grazie al ritorno di Armani Privé . Il saluto sul palco di Michelle Hunziker è stato ricco di emozioni.


"Karamoh ha fatto davvero bene, ha strappi importantissimi, fatti di velocità e tecnica, poi ha delle pause e diventa difficile se si perde l'equilibrio". Anche in dieci noi ci abbiamo provato e per poco non ci siamo riusciti. Nessuno vuole eccedere nel pessimismo, ma anche vedere che negli ultimi vent'anni il campionato ha regalato soltanto tre vittorie al Bologna fa capire perfettamente la difficoltà dell'impegno odierno per i ragazzi di Donadoni. I tifosi hanno fischiato il croato, lui ha applaudito polemico. Io, dirigenza e società siamo in piena sintonia con l'allenatore.

Il rigore? Se mi dicono che il braccio è attaccato al corpo per me non è così. "Ho parecchi leader, il leader non è per forza quello che parla, i comportamenti fanno spesso la differenza". Allo stesso modo qui ho detto che bisogna stare in certi parametri, che non è incolpare il presidente, è riconoscere che ci sono dei paletti entro i quali bisogna stare. Anche quest'Inter dopo averne segnati troppi in una sola gara (5-0 al Chievo, il 3 dicembre) ha pareggiato a Torino - ma lo 0-0 allo Stadium resta buono -, poi ha ceduto senza nemmeno capire come contro Udinese e Sassuolo.

Latest News