Foggia, vicepreside rimprovera alunno: il padre lo prende a pugni

Foggia, vicepreside rimprovera alunno: il padre lo prende a pugni

Foggia, vicepreside rimprovera alunno: il padre lo prende a pugni

Il vicepreside ha rimproverato un alunno che, tornato a casa ha riferito l'episodio al proprio genitore. Il vicepreside, Pasquale Diana, ha riportato una prognosi di 30 giorni.

Sono 30 i giorni di prognosi per il vicepreside della scuola secondaria di I grado "L. Murialdo" di Foggia colpito sabato scorso alla testa e all'addome da pugni dati dal genitore di un alunno che il giorno prima era stato rimproverato. In data 10 febbraio - si legge - il genitore di un alunno si è recato a scuola in orario di ingresso delle classi, e, eludendo la vigilanza dei collaboratori scolastici, si è avventato contro il vicepreside del nostro istituto, mentre stava svolgendo le sue funzioni di collaboratore del dirigente. La vicenda ha destato rabbia ma anche preoccupazione in tutto il mondo della scuola: i docenti del Liceo Marconi di Foggia hanno scritto una lettera aperta in cui evidenziando la gravita' di quanto accaduto sabato mattina e che ormai da tempo gli insegnanti sono continuamente in trincea e si chiedono come mai sia potuto accadere un fatto di tale gravita'. Il genitore si è scagliato come una furia contro il professore sferrandogli un pugno al volto e all'addome. A nulla è valso l'intervento degli altri collaboratori scolastici o dei docenti.

[TN] - Juve, Allegri allo scoperto: "Vedrò Napoli-Lazio e tiferò per i biancocelesti"
Buone notizie anche da Douglas Costa che ha smaltito l'infortunio al polpaccio e ha ripreso ad allenarsi col gruppo. Dispiaceva prendere goal, per me andava più rivisto il fallo, il dubbio era quello.


"Il professore - si spiega ancora nel comunicato - non ha reagito in alcun modo ai numerosi e violenti colpi che gli venivano inferti alla testa e all'addome, fino a quando i presenti non sono riusciti ad allontanare l'aggressore. Sul posto sono accorsi la polizia e gli operatori del 118". Movente dell'aggressione sarebbe un rimprovero che il figlio dell'uomo avrebbe subito il giorno precedente: mentre i ragazzi stavano uscendo dalla scuola l'alunno spingeva alcun coetanei con il rischio di farli cadere dalle scale.

Latest News