Il Tar blocca le compagnie telefoniche. Le bollette devono essere mensili

Economia	Tim Vodafone Wind Tre. Ecco cosa cambierà davvero alle bollette dopo la sentenza del Tar

Economia Tim Vodafone Wind Tre. Ecco cosa cambierà davvero alle bollette dopo la sentenza del Tar

Il TAR del Lazio si è espresso sui ricorsi presentati da Asstel, TIM, Vodafone, Wind Tre, Fastweb ed Eolo avverso il provvedimento con cui AGCOM ha disposto il ritorno alla fatturazione mensile e l'illegittimità della fatturazione a 28 giorni. La restituzione doveva essere commisurata alle giornate che i consumatori hanno pagato in più, a causa della fatturazione ogni 28 giorni, a partire dal 23 Giugno 2017 - clausola prevista dalla delibera di Dicembre 2017. Ecco che cosa ha stabilito il Tribunale amministrativo regionale e gli effetti concreti.

"La decisione del TAR Lazio potrebbe avere ripercussioni importanti per gli utenti", dicono dal Movimento Consumatori, "soprattutto se - sulla scorta della stessa Delibera dell'AGCOM ora ritenuta pienamente legittima anche dalla giustizia amministrativa - fosse riconosciuto loro il diritto ad essere adeguatamente informati che la fatturazione e i rinnovi dei propri abbonamenti di telefonia fissa o convergente a 28 giorni, era illegittima in quanto contraria alle disposizioni dell'Autorità Garante del settore".

Niente da fare per le compagnie telefoniche. In particolare il tribunale ha accolto il ricorso con cui le aziende chiedevano, in sede cautelare, di sospendere l'obbligo di rimborso automatico che riguarda le bollette emesse dal 23 giugno scorso, data entro la quale secondo l'Autorità presieduta da Angelo Cardani gli operatori avrebbero dovuto ritornare alla bollette su 30 giorni. La sospensione vale fino all'udienza di merito fissata per il 31 ottobre prossimo.

Diritti tv, parla Pugnalin: "Gli abbonati Sky non resteranno senza Serie A"
Esiste la possibilità che Sky rimanga senza la Serie A? "Perché mai Sky dovrà restare senza i diritti di Serie A? ". La legge Melandri-Gentiloni non prevede la discriminazione tra le diverse piattaforme.


"Insomma troppi soldi da mettere sul piatto ed eventualmente da richiedere indietro agli utenti in caso di vittoria", commenta il Sole 24 Ore.

I giudici hanno dato ragione ad AGCOM ma va comunque tenuto presente che successivamente il Governo aveva già messo nero su bianco l'obbligo, da parte degli operatori, di applicare la fatturazione su base mensile. "Una ennesima beffa che, a nostro avviso, si prefigura come ipotesi di cartello da parte delle compagnie, per questo abbiamo effettuato un esposto e siamo in attesa di risposte in merito a questo nuovo fronte da Agcom e Antitrust". Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.

Latest News