Piacenza, studente di prima media picchia professoressa

Chiudi
   Apri

Chiudi Apri

"E' evidente che episodi di questo tipo devono essere sanzionati, perché non è tollerabile in nessuna maniera che gesti di violenza si verifichino all'interno di una scuola - continua Bianchi - ma al di là dei provvedimenti che il dirigente scolastico ha preso nei confronti del ragazzo, c'è un dato oggettivo di assoluto malessere che va considerato in tutto il suo insieme".

Questa volta è toccato a una professoressa di Piacenza che, dopo essere stata colpita più volte al braccio, è stata portata al pronto soccorso con una prognosi di 7 giorni. Uno studente si è nuovamente scagliato contro un'insegnante.

Giorgia Meloni aggredita a Livorno
In Piazza Garibaldi sono stati esposti striscioni e cartelli, tutti con un messaggio chiaro: 'Livorno i fascisti non li vuole. A proteggere la Meloni c'erano i poliziotti.


A riportare la notizia - che risale a qualche tempo fa - è stato il quotidiano "La Libertà". Salvatore Pizzo, coordinatore del sindacato Gilda degli Insegnanti di Piacenza e Parma, ha commentato: "Fatti violenti contro insegnanti di Piacenza, chiediamo di perseguire duramente i responsabili: i genitori rispondano delle azioni dei figli". E anche nel piacentino non si tratterebbe di un caso isolato, visto che in un'altra scuola media della provincia un'insegnante è stata bersagliata dal lancio di cheving gum da parte di un gruppo di bulli. Il protagonista dell'episodio è un ragazzino che frequenta la prima media di un istituto della provincia di Piacenza. Il minorenne è stato sospeso e segnalato ai servizi sociali.

Il sindacato Gilda ha affermato che 'è grave il fatto che uno studente aggredisca il proprio insegnante che in quanto tale rappresenta anche l'autorità statale, trattandosi di un soggetto minore dei 14 anni egli non è perseguibile penalmente ma certamente i genitori (o chi per essi) rispondono verso terzi dei danni prodotti dai loro figli'.

Latest News