Roma, Totti: "Oggi costerei 200 milioni"

Share on Facebook	     Tweet on Twitter

Share on Facebook Tweet on Twitter

L'ex capitano giallorosso ha esordito parlando del suo rapporto con Luciano Spalletti e della sua gestione nell'ultima annata: "Non ho mai avuto un confronto con lui e probabilmente non ci sarà mai". Avrei preferito chiudere in altro modo, visto che fossi stato in lui avrei gestito il calciatore e la persona diversamente.

Francesco Totti è tra i protagonisti di una nuova puntata di 'I Signori del calcio'.

Grasso: 'Tetto stipendi a Consiglio Senato'
L'emergenza sotto i due governi Cuffaro, quello Lombardo e quello Crocetta ha portato ad un aumento della vasche dove mettere i rifiuti.


Totti-Roma: un amore che durerà in eterno: "Per la Roma ho dato il 101% - prosegue l'ex numero 10 - perché ho messo la Roma davanti a tutto, davanti a me, alle cose personali, alla vita privata". Sono riuscito a fare in ogni caso questa transizione da calciatore a dirigente della Roma, e l'ho fatto con lo spirito giusto, con l'intelligenza di una persona grande.

Oramai passato dall'altra parte, Totti è tornato su alcuni importanti eventi del suo passato in un'intervista a Sky Sport, parlando del Pallone d'Oro mancato, del rapporto con Spalletti, sulla vecchia possibilità di andare al Real Madrid. "Sono cresciuto nel campo e nel campo morirò". Oltre alle tematiche sulla sua splendida carriera, sui trofei e sulla Roma, Totti si è espresso anche su Spalletti e sul mercato attuale. Peccato che la Roma abbia tutto tranne che una ingente liquidità a disposizione per il mercato, come si è chiaramente capire dal mercato di gennaio, in cui i capitolini furono costretti a cedere Emerson Palmieri (e quasi Dzeko), per fare un po' di cassa. Loro avevano più visibilità in campo internazionale, anche perché il Pallone d'Oro lo si vince conquistando la Champions o il Mondiale. Conta il business. Se dipendesse da me spenderei qualsiasi cifra per i migliori giocatori, per vincere servono quelli e lo dirò sempre. "Io con la Roma ho vinto Scudetto, Supercoppa Italiana e Coppa Italia, percio' non ero in grado di poter combattere con altri giocatori". Non sono però io a gestire i soldi, è il presidente che decide. "Io costerei 200 milioni". Il presidente mettera' un budget e in base a quel budget dovra' essere bravo a costruire una squadra.

Latest News