Ad-blocker in Chrome, ecco come funziona

Ad-blocker in Chrome, ecco come funziona

Ad-blocker in Chrome, ecco come funziona

Con il passare degli anni, la resa degli annunci pubblicitari online è andata sempre a diminuire e questo ha costretto molte agenzie pubblicitarie a sperimentare nuove tipologie di annunci. Come riportato infatti dal Wall Street Journal, le buone intenzioni del gigante di Mountain View avrebbero tuttavia ben altre mire, assai più confacenti e afferenti al proprio business.

Ebbene, Area 120 vorrebbe portare tutto ciò all'interno di un'app standalone, per la quale si cercano già tester, chiamata "Reply" che dovrebbe funzionare in tandem non solo con app googleiane (Messaggi e Hangouts), ma anche con client di messaggistica istantanea e social di terze parti (Skype, Twitter, WhatsApp). In soldoni, l'azienda americana attiverà oggi il suo personale ad-blocker su Chrome, così da bloccare automaticamente le inserzioni pubblicitarie ritenute più invadenti e ostacolanti una comoda e semplice fruizione della navigazione web.

In pratica verranno penalizzate, sia su pc sia su dispositivi mobili, le pubblicità che riproducono audio in modo automatico una volta aperta la pagina web, che inseriscono finestre (pop up) a sorpresa o che impongono una sorta di countdown per poter visualizzare la pagina senza pubblicità.

Il blocco in questione verrà evidenziato sul browser Desktop con un avviso simile a quello attuale dei pop-up mentre, lato mobile, con un messaggio in una barra inferiore dedicata alle informazioni: espandendo l'alert, sarà possibile anche disattivare tale blocco, autorizzando la visualizzazione dei banner bloccati.

Sting: le date in Italia
Si tratta di un lavoro con chiare influenze reggae e sarà sul mercato a partire dal prossimo 20 aprile. Nella capitale, la star britannica arriverà il 28 luglio .


Gli sviluppatori di Chrome hanno fornito anche una lista con tutti i formati pubblicitari che verranno bloccati con il nuovo sistema. Non è una lotta indistinta, ovviamente (e come potrebbe?): il sistema di ad blocking è pensato per arginare tutte le pubblicità che violano gli standard dettati dalla Coalition for Better Ads.

I proprietari del sito possono accedere a un dettagliato report di esperienza pubblicitaria che elenca le violazioni specifiche della Google Search Console e, si spera, possa aiutare a risolvere eventuali problemi.

Quando si verificherà il blocco di un annuncio, Chrome mostrerà all'utente un messaggio ma anche una opzione per disabilitare l'impostazione tramite il tasto "consenti annunci su questo sito". L'ultima decisione sul vedere o meno un annuncio pubblicitario sarà sempre nelle mani dell'utente, che potrà decidere di bloccare l'adblock su alcuni siti web.

Latest News