Addio Bea, la bimba di pietra. "Riabbraccerai tua mamma in paradiso"

Bea e la mamma morta l’anno scorso

Bea e la mamma morta l’anno scorso

La piccola Bea, 8 anni, era stata portata d'urgenza all'ospedale infantile Regina Margherita di Torino per un arresto cardio-respiratorio ieri, ma per lei non c'è stato nulla da fare: si era aggravata già nelle ultime due settimane ma tutti speravano di poter passare la crisi.

A renderlo noto la zia della bambina, Sara Fiorentino, sorella della mamma della piccola Bea, Stefania Fiorentino, divenuta il suo angelo sei mesi fa a causa di un cancro al cervello. Ha scelto un giorno particolare per riunirsi a lei, il giorno di San Valentino, un giorno dedicato all'amore, e lei "la bimba di pietra", così come era stata soprannominata per la sua malattia [VIDEO], di amore ne aveva tantissimo. "Saperle insieme sarà la nostra forza" ha scritto Sara Fiorentino. "Il mondo di Bea resterà in assoluto il miglior posto che io abbia mai potuto visitare, per sempre", scrive ancora questa sera la sia su Facebook. Bea ed Ermal avevano anche posato insieme in una foto postata su Facebook, proprio in occasione dell'ultima serata del Festival della Canzone Italiana.

Come riporta La Repubblica, specialisti di tutto il mondo avevano studiato il suo caso senza riuscire a capire perché le sue articolazioni si fossero calcificate in un'armatura immobile che le permetteva di spostare solo gli occhi.

Liga: combine Levante-Saragozza, Felipe Caicedo nella lista degli indagati
Il Levante , già salvo, riceve il Saragozza , terzultimo e alla disperata ricerca di punti per restare in Liga . Il ciclone che ha investito la Liga arriva con tutti i suoi spifferi dalla Spagna e si abbatte sull'Italia.


"Oggi la piccola Bea è volata in cielo. Zia Emma non ti scorderà mai!". Ma quella che tutti chiamavano "una guerriera coraggiosa" ne usciva sempre vincitrice. Un soprannome che all'inizio alla famiglia non era piaciuto, in quanto all'interno del corpicino rigido di Bea vi era un cuore immenso che riusciva a trasmettere amore, gioia e voglia di vivere. L'incontro, durato qualche secondo, ha suscitato nella piccola grande emozione: "il pontefice l'ha prima baciata e poi benedetta". Il Derby era per raccogliere fondi, per aiutare Stefania e Alessandro a sostenere le cure della piccola Bea ma anche per sensibilizzare sulle malattie rare di molti bimbi.

Commosso il commento della cantante Emma: "Fai buon viaggio mia piccola Bea. Vedo quello che hai passato, ti guardo in questo momento così decisivo che cambierà le vite di ognuno di noi, e ti ammiro dal profondo del mio cuore".

Latest News