L'Intelligence USA si scaglia contro Huawei e ZTE

Usa, monito intelligence: «Americani, non comprate gli smartphone cinesi»

L'Intelligence USA si scaglia contro Huawei e ZTE

I vertici di Fbi, Cia, Nsa e il capo dell'intelligence Usa hanno lanciato un appello alle istituzioni e ai cittadini americani.

"Siamo profondamente preoccupati circa il rischio che qualsiasi compagnia o entità legata a governi stranieri che non condividono i nostri valori possa guadagnare posizioni di potere all'interno della nostra rete di telecomunicazioni", ha detto il direttore dell'Fbi, Chris Wray.

In risposta a questi commenti, un portavoce di Huawei a CNBC ha affermato che "Huawei è consapevole di una serie di attività del governo degli Stati Uniti che sembrano destinate ad inibire l'immagine della società dal mercato americano". Inoltre il CEO di Huawei (Richard Yu) ha aggiunto come queste scelte portino a privare gli utenti della libertà di scelta. Lo scorso mese, Huawei aveva programmato il lancio del nuovo Mate 10 Pro negli USA attraverso AT&T, ma l'operatore si è tirato indietro all'ultimo, secondo molti per ragioni politiche.

Giornata mondiale contro il cancro infantile: a Palermo lancio simbolico di palloncini
Seimila sono le nuove diagnosi l'anno in Europa, 2.200 in Italia , di cui circa 1.400 bambini e 800 teenager. Ogni tre minuti nel mondo un bambino muore di cancro .


Si tratta di un vero e proprio allarme perchè alcuni strumenti prodotti in Cina da gruppi come Huawei o ZTE, rappresenterebbero una minaccia per la sicurezza nazionale.

I legislatori americani ad oggi stanno considerando una proposta di legge che potrebbe vietare ai dipendenti governativi di utilizzare tutti i telefoni Huawei e ZTE. Le agenzie statunitensi non avrebbero fatto sconti a Huawei dichiarando che la società cinese sarebbe un pericolo anche per gli utenti privati e non solo per i funzionari di governo, agenzie, etc. "Huawei gode della fiducia di governi e clienti in 170 paesi in tutto il mondo e non pone rischi di cyber security più elevati di qualsiasi altro fornitore del settore TLC, condividendo la catena distributiva e capacità produttive".

Latest News