Altri due massoni nelle liste M5S: è polemica

M5s perde pezzi fuori 2 candidati massoni. Altro addio in Europa

Altri due massoni nelle liste M5S: è polemica

Dopo Catello Vitiello candidato all'uninominale di Castellammare di Stabia per il M5s tacciato di essere vicino alla massoneria, esplodono i casi di Piero Landi, in corsa nel collegio uninominale alla Camera di Lucca e di Bruno Azzerboni, candidato all'uninominale del Senato a Reggio Calabria. "Al momento della sottoscrizione della candidatura Azzerboni e Piero Landi non ci hanno informato, non hanno detto la verità". Purtroppo non c'é nessun obbligo di legge a rendere pubblico l'iscrizione a una loggia massonica.

"Li inibiamo dall'utilizzo del simbolo e ci riserviamo di agire nelle opportune sedi al fine di risarcire eventuali danni di immagine cagionati al MoVimento 5 Stelle", affermano ancora i vertici grillini. Lo rende noto il Movimento 5 stelle intervenendo sula polemica sulla composizione delle liste. Si tratterebbe di Piero Landi, il cui nome, cognome e data di nascita corrispondono con quelli registrati negli elenchi del Grande Oriente d'Italia. "Se in quei collegi voti 5 stelle quelli vanno in Parlamento".

Si allarga lo scandalo abusi sessuali nelle Ong, Msf: "Anche da noi"
Le organizzazioni umanitarie si trovano da ieri di nuovo al centro dell'attenzione mediatica per un nuovo scandalo sessuale. Scandali che coinvolgevano caschi blu delle Nazioni Unite sono venuti alla luce ripetutamente a partire dagli anni Duemila.


Lo comunica la trasmissione di Mediaset nel fare il punto sull'inchiesta portata avanti da Filippo Roma e di Marco Occhipinti. Ognuno fa per sè. Quest'ultima, secondo quanto appreso da Adnkronos avrebbe presentato una denuncia in questura a carica dell'ex fidanzato reo, stando a quanto sostenuto dalla parlamentare riminese, di averlo sottratto circa 20mila euro.

Latest News