Le foto social del killer del liceo

Nikolas Cruz a sinistra

Nikolas Cruz a sinistra

"Una citta' - si legge - di grande carattere e fascino", che negli ultimi 25 anni ha conosciuto un boom demografico. Alla fine il bilancio è stato di 19 morti, di cui due all'esterno della scuola e uno sulla strada; e di 17 feriti, di cui alcuni in maniera grave, che sono stati sottoposti ad operazione chirurgica.

"Ci sono tanti segnali che confermano che l'assassino della Florida era mentalmente disturbato, perfino espulso dalla scuola per condotta cattiva e incostante".

Evidentemente con questo gesto ha voluto vendicare il suo allontanamento dalla scuola e saldare i suoi conti con i compagni che non l'hanno mai amato e sopportato.

Sui social sono stati gli stessi studenti a raccontare il terrore vissuto in quegli istanti, con Cruz che faceva fuoco e la Polizia che ordinava a tutti di barricarsi nelle Aule. Jereb, però, ha detto di non conoscere personalmente il ragazzo, "unico responsabile di quanto ha fatto".

Viene riferito inoltre che nel corso dell'emergenza il ragazzo che ha sparato è entrato ed uscito a più riprese dal campus ed è stato poi fermato fuori dalla struttura. In tutto, nei primi 45 giorni del 2018, 22 persone sono state uccise e decine sono state ferite in sparatorie avvenute in scuole o nelle loro immediate vicinanze. Un uomo ha aperto il fuoco al liceo 'Marjory Stoneman Douglas High School' di Parkland.

A Bologna esplosione in una cantina, un morto
Sono intervenuti per un sopralluogo anche il pm di turno Bruno Fedeli e il procuratore aggiunto Valter Giovannini . Si indaga su un'esplosione avvenuta a Bologna in una cantina in via Pietro Canonici , zona San Ruffillo .


Nuovo e tremenda strage negli Stati Uniti.

"Nessun legame" tra Nikolas Cruz, l'autore della strage scolastica in Florida, e un gruppo di suprematisti bianchi: lo afferma Grady Jordan, portavoce dell'ufficio dello sceriffo della contea di Leon, Florida, dove si trova la milizia nazionalista bianca 'Repubblica della Florida' e il cui leader, Jordan Jereb, ha definito Cruz un membro del suo gruppo che aveva partecipato ad esercitazioni paramilitari a Tallahassee.

Un attempato signore di 64 anni ha sparato sulla folla con un'arma da guerra dall'Hotel Mandalay che assisteva al festival musicale "Route 91 Harvest" uccidendo 58 persone e ferendone almeno 800.

Ogni volta che succedono cose del genere l'America si interroga e si divide sempre in due:c'è chi denuncia la presenza di troppe armi in libera circolazione e c'è pure chi le difendono. Il presidente Donald Trump da Twitter ha fatto le condoglianze alle famiglie delle vittime.

Il diciannovenne ha usato un fucile semiautomatico simile all' AR-15 (impiegato in altre stragi di massa), ma era munito anche di maschera anti gas e fumogeni.

Latest News