Attilio Fontana replica a Gori

Giorgio Gori

Attilio Fontana replica a Gori

Lo svela un sondaggio realizzato da Ipsos Pa per il Corriere della Sera.

Dagli stessi sondaggi dell'istituto guidato da Nando Pagnoncelli sembra che il sindaco di Bergamo sarebbe lontano da vincere anche se LeU lo appoggiasse: il candidato di Liberi e Uguali, l'ex sindacalista Onorio Rosati, si ferma infatti al 4 per cento. L'appeal di Gori ha elementi di trasversalità, poiché coinvolge anche elettori di centrodestra. Fontana, invece, registra un gradimento basso, con una leggera prevalenza di chi ne ha un'idea negativa. Gli altri due candidati, molto poco conosciuti, hanno indici sostanzialmente neutri. Gori infatti si colloca al primo posto, conosciuto da quasi l'80% dei lombardi, mentre Fontana è ancora distante, con una notorietà del 60%. Colpisce la vicinanza coi risultati delle elezioni del 2013, quando Maroni raccolse il 43% delle preferenze e Ambrosoli il 38%. "Violi è accreditato del 15% (cinque anni fa il candidato del Movimento raggiunse il 14%), Rosati è stimato al 4%, gli altri candidati (tra cui quelli di Potere al Popolo e Casapound) complessivamente al 5%". L'area grigia, degli indecisi o degli astensionisti, rimane piuttosto alta, al 37% circa.

Importante per il candidato Gori anche il tema del lavoro che è visto come collegato al tema dell'innovazione: Giorgio Gori si propone come prima cosa di raddoppiare i finanziamenti pubblici e privati per l'innovazione soprattutto incrementando la presenza dell'artigianato digitale che potrebbe, secondo Gori, essere al centro del mercato internazionale.

Russiagate, il primo vero atto d'accusa: incriminati 13 cittadini russi
L'annuncio dell'ufficio di Mueller sostiene che le accuse sono di cospirazione per truffare gli Stati Uniti , ma anche di frode bancaria e di furto di identità.


Nelle indicazioni di voto per i partiti a livello regionale stanno le criticità maggiori per il centrosinistra.

Battaglia a colpi di tweet tra due dei candidati alla presidenza della Regione Lombardia alle prossime Regionali, Attilio Fontana (centrodestra) e Giorgio Gori (Pd).

L'impressione è che il voto regionale sarà fortemente influenzato dalle appartenenze politiche che ridurranno, pur senza azzerarlo, l'effetto candidato.

Latest News