Elezioni 2018: Berlusconi e l'ironia della BBC

Elezioni 2018: Berlusconi e l'ironia della BBC

Elezioni 2018: Berlusconi e l'ironia della BBC

Anzi, dice, potrebbero essere i nuovi "responsabili", quella pattuglia di parlamentari che nel dicembre 2010 salvò il governo Berlusconi dalla sfiducia dopo la rottura con Gianfranco Fini: "Non si dice mai di no a chi dice 'Sottoscrivo il vostro programma'".

Il punto però è che lo scenario non è per niente campato in aria: Luigi Di Maio ha già cacciato dal MoVimento 5 Stelle molti candidati che però si trovano in posizioni assolutamente privilegiate nei listini e, insieme, ha dato il benservito anche a molti candidati all'uninominale. Sono nella stessa scheda solo per loro convenienza, sfruttando l'infame legge elettorale che del resto si sono scritti loro in accordo col principale alleato di Berlusconi, Matteo Renzi. Incasserebbero poi l'indennità nella loro totalità, anche se io credo che non ne avremo bisogno perché avremo la maggioranza.

Embraco, salta il tavolo. Calenda: "Gentaglia"
Per l'esecutivo credo si tratti anche di una questione di credibilità e di autorevolezza politica". Ciò, prosegue, "avrebbe consentito di attivare un percorso per la reindustrializzazione.


Il confronto tra Cinquestelle e centrodestra si alza di un tono a meno di due settimane dalle elezioni, anche per via della corsa al voto utile che - secondo alcune proiezioni - andrebbe a concentrarsi sugli schieramenti considerati favoriti. "Per sei anni - argomenta il leader di Forza Italia - ogni giovane assunto costa alle aziende 1.500 euro e non più 3mila come adesso".

Gli altri provvedimenti urgenti che farà un eventuale governo di centrodestra saranno le pensioni a mille euro per chi le ha più basse e per le mamme, oltre all'approvazione della flat tax entro l'estate. Ecco un excursus storico sulle personalità politiche che si sfideranno a colpi di consenso. "Il caso di Macerata è stato il gesto di un singolo fuori di testa che ha agito per conto suo", a dirlo Silvio Berlusconi che ha voluto in questo modo rispondere alle provocazioni lanciate ieri pomeriggio da Laura Boldrini a Milano.

Latest News