Elezioni 2018, FAC SIMILE scheda elettorale della Camera: come si vota

Elezioni 2018, FAC SIMILE scheda elettorale della Camera: come si vota

Elezioni 2018, FAC SIMILE scheda elettorale della Camera: come si vota

Gialla per il Senato, rosa per la Camera. Si vota con una nuova legge elettorale: il cosiddetto Rosatellum. La legge prevede che tutti i voti dati al candidato uninominale vengano redistribuiti tra i partiti che lo sostengono in maniera proporzionale ai voti ricevuti in quel collegio. Viene eletto consigliere anche il candidato non eletto più votato. Non ci sono le preferenze. Il riparto dei seggi viene effettuato a livello nazionale per la Camera mentre per il Senato a livello regionale, per questo nei collegi plurinominali si presentano listini bloccati.

Il Ministero dell'Interno ha pubblicato i FAC SIMILE delle schede elettorali per il Senato e la Camera. E' solo grazie a voi che ho avuto la possibilità di potermi giocare adesso questa partita, che non è solo individuale ma di una squadra compatta - ha sottolineato Damiani - E' una partita che bisogna vincere per il territorio e credo che questo messaggio sia stato compreso, perché vedo crescere la partecipazione intorno alle nostre candidature, di gente giovane e seria, persone che ci mettono la faccia. Il numero delle liste dipende da regione a regione. Qualora il segno sia tracciato solo sul nome del candidato nel collegio uninominale, il voto è comunque valido anche per la lista collegata.

Domenica 4 marzo si voterà per rinnovare 630 deputati e 315 senatori. Dalle 7 alle 23.

Gentiloni: minaccia terroristica non è ancora esaurita
La diminuzione netta di percentuale dei flussi migratori dalla Libia non può ancora definirsi indice di un definitivo capovolgimento della tendenza.


Gli elettori esprimeranno il proprio voto con l'unica scheda sia per la parte uninominale (candidato unico della coalizione, indicato con nome e cognome sopra i simboli che lo sostengono) che per la quota proporzionale, dove i partiti corrono per sé e sulla quale si applicano le soglie di sbarramento.

Se una lista fa parte di una coalizione ma non raggiunge il 3%, i voti che ha ricevuto confluiscono in quelli del partito prevalente dell'alleanza. "Per votare al Senato è necessario aver compiuto 25 anni" ricorda il sito del Viminale. Le schede che riceverà l'elettore sono due, una per la Camera e una per il Senato, e sono composte nello stesso modo.

Inoltre I cittadini di Lazio e Lombardia saranno chiamati anche a eleggere il nuovo presidente della Regione e i Consigli regionali.

Latest News