Scritta shock sulla lapide di Aldo Moro: "Guardie a morte"

"Morte alle guardie e svastiche imbrattata la lapide in memoria di Moro Oggi alle 10:14

"Il danneggiamento del monumento che ricorda le vittime della strage di via Fani è un oltraggio non solo alla memoria di un uomo che ha avuto un compito fondamentale nella costruzione della nostra Repubblica, ma anche uno sfregio alla nostra democrazia". Si cercano i colpevoli. In base a quanto si apprende l'identificazione degli autori della scritta "morte alle guardie" sarà resa più difficile in quanto nella zona non sono presenti telecamere di videosorveglianza.

La targa era stata infatti rimossa per lavori di restauro. Sull'accaduto sta indagando la Polizia del commissariato Monte Mario, intervenuta sul posto. "Ci sono forze, e Moro ne ha fatto parte, che hanno lottato per la libertà, per l'affermazione dei principi democratici, e non accettiamo questo clima di odio che spinge verso un ritorno al passato".

Novità omicidio Pamela Mastropietro: interrogato l'uomo che l'ha incontrata alla stazione
Secondo la madre di Pamela, invece, "può essere stato il nigeriano ad averle detto comprami questa siringa , mi serve". "Temiamo che sia successo qualcosa lì dentro e che qualcuno le abbia fatto del male ", ha spiegato i genitori.


Svastiche e insulti sulla lapide di Aldo Moro. Il Comune di Roma è intervenuto con gli uomini delle squadre decoro dell'Ama per la cancellazione delle scritte oltraggiose. Alle 9 del 16 marzo i terroristi, travestiti da impiegati di Alitalia, sorpresero Aldo Moro e la sua scorta in via Fani e spararono alle guardie, portando a compimento il rapimento del politico democristiano, il quale venne ucciso 55 giorni dopo la detenzione.

Latest News