Morbillo, Lorenzin: "A gennaio 164 casi"

Morbillo, Lorenzin:

Morbillo, Lorenzin: "A gennaio 164 casi"

Nelle sue conclusioni, il Ministro Lorenzin ha ricordato che il Ministero ha investito 500 mila euro, per la prima volta, nel 2015, per lo screening della salute della popolazione carceraria, sulla quale non c'era un dato, e da esso sono emersi dati sconfortanti: il 7 per cento dei detenuti ha l'epatite C che, se non debitamente curata, conduce alla morte, e il 2 per cento ha l' hiv; un altro capitolo da affrontare riguarda le malattie dovute a difficoltà neuropsichiatriche. Lo ha detto il ministro alla Salute, Beatrice Lorenzin.

Il ministro ha poi sottolineato l'elevato numero di ricoveri per complicanze polmonari, battendo ancora sulla necessità di vaccinazione per adulti e bambini. "Le resistenze anti scientifiche - ha aggiunto - in Italia sono epifenomeno di malattia del Paese". "Questo ci fa capire come le battaglie per la sicurezza richiedono tempo", ha aggiunto il ministro della Salute. "Non fatevi abbindolare da questi personaggi che stanno cavalcando posizioni antiscientifiche la vaccinazione resta l'unica arma di difesa".

Per il morbillo 2.269 casi risalgono al 2013, 1.695 al 2014, 255 al 2015, 861 al 2016, 5.076 al 2017 e 164 sono stati registrati nel 2018.

Sono stati segnalati 14 casi tra bambini con meno di 1 anno di età. L'83% dei casi è stato segnalato in quattro Regioni: Sicilia, Lazio, Calabria e Liguria. L'incidenza del morbillo a livello nazionale è stata pari a 3,2/100.000, e colpiscono i numeri registrati in 4 regioni: Sicilia (61), Lazio (46), Calabria (16) e Liguria (13). 23/02 ore 18.08) - Dall'inizio del 2013 sono stati segnalati 10.320 casi di morbillo in Italia e 215 di rosolia in Italia, precisa il rapporto mensile diffuso oggi dall'Istituto superiore di sanità.

Tutte le vittime erano non vaccinate al momento del contagio e in tutti i casi, ad eccezione di uno, erano presenti altre patologie di base.

Milan, Gattuso: "A Roma per giocarcela e attenti a Under"
Soffermandosi su alcuni singoli ha sottolineato che " Bonucci deve giocare la sua partita e anche rischiare un cartellino". Quando è entrato Kalinic , Andrè Silva ha espresso un calcio diverso, forse si esprime meglio con un giocatore vicino.


Dal 2013 sono stati oltre diecimila i casi di morbillo nel nostro Paese, ma il trend discendente si è bruscamente arrestato nel 2017, che ha fatto registrare in soli dodici mesi oltre 5mila casi, la metà del totale.

Quanto alla rosolia, dall'inizio del 2013 sono stati segnalati 215 casi (possibili, probabili e confermati), di cui 65 nel 2013, 26 nel 2014, 26 nel 2015, 30 nel 2016, 67 nel 2017 e uno a gennaio 2018.

Nell'Ue la Romania è il Paese con più casi. La Romania ha riportato il tasso di incidenza più elevato, seguita dalla Grecia e dall'Italia. Sono stati segnalati 12 casi di polmonite. Il 93% dei casi, fa sapere l'Iss, era non vaccinato o vaccinato con una sola dose. Non è noto lo stato vaccinale del rimanente 6% di casi.

"Purtroppo i dati non sono buoni". Fuori dall'UE, è in corso una vasta epidemia in Ucraina, dove sono stati segnalati oltre 2.000 casi nel 2018, inclusi 3 decessi. Sono stati riportati aumenti significativi del numero di notifiche di casi, in Francia (115 casi), Svezia ( 28 casi) e nel Regno Unito (144 casi).

Latest News