Draghi al Parlamento UE: stimolo ancora necessario nonostante la crescita

Draghi al Parlamento UE: stimolo ancora necessario nonostante la crescita

Draghi al Parlamento UE: stimolo ancora necessario nonostante la crescita

Un colpo al cerchio e uno alla botte.

In particolare, Draghi ha detto che la crescita della zona euro è robusta ma che la debolezza dell'economia potrebbe essere maggiore del previsto, rallentando la crescita dell'inflazione. Restando in tema banche centrali in Asia le Borse sono positive in vista di una settimana che sarà segnata dai dati sull'inflazione Usa (il timore è di un surriscaldamento dei prezzi al consumo che convincerà la Federal Reserve ad avviare quest'anno un ciclo di strette monetarie aggressivo) e dalla prima audizione davanti al Congresso del nuovo presidente della banca centrale Usa, Jerome Powell.

Intervenendo in una specifica audizione alla Commissione affari economici del Parlamento europeo, Mario Draghi ha fatto il punto sulla situazione economica dell'area euro e tratteggiato quali sono gli orientamenti di politica monetaria per il prossimo futuro. E precisa: "Anche se il forte slancio dell'economia dell'Eurozona ha chiaramente rafforzato la nostra fiducia nelle prospettive d'inflazione, servono ancora pazienza e persistenza riguardo alla politica monetaria" per riportare l'inflazione vicino al 2% e a favore di una normalizzazione della politica monetaria e degli acquisti di bond (Qe) più ravvicinati.

Tottenham, Pochettino: "Il Napoli può vincere lo scudetto"
Mondiali e amichevole tra Argentina e Italia? Chi è più forte tra Maradona e Messi? "Per me prima Maradona e poi Messi". In chiusura, sulla possibilità di allenare il Napoli :"Dovrei chiedere prima il permesso a Maradona (ride)".


VOLATILITA' MERCATI MERITA MONITORAGGIO - "Prevediamo che l'inflazione headline riprenderà il graduale percorso di aggiustamento verso l'alto, sostenuto dalle nostre misure di politica monetaria". "Allo stesso tempo, le incertezze continuano a prevalere". Quanto al controllo dei tassi di cambio, ha concluso il numero uno della Bce, a causa della "recente volatilità dei mercati finanziari", l'Istituto centrale continuerà a effettuare uno "stretto monitoraggio per quanto riguarda le possibili implicazioni per le prospettive a medio termine per la stabilità dei prezzi".

Quello dei salari è stato un altro aspetto affrontato dal presidente della Bce, Mario Draghi di fronte all'Europarlamento, sottolineando che la pressione al rialzo sulle buste paga dovrebbe arrivare da un ulteriore calo della disoccupazione e dal proseguire della ripresa.

Latest News