Oggi si vota fino alle 23 per il Parlamento e la Regione

Attendere un istante stiamo caricando il video

Attendere un istante stiamo caricando il video

Saranno 618 i deputati e 309 i senatori di cui 18 parlamentari dalle circoscrizioni estero.

Per Forza Italia sono candidati il presidente di Uniacque Paolo Franco, il sindaco di Gromo Sara Riva e il sindaco di Selvino Diego Bertocchi.

Gli elettori del Lazio e della Lombardia quando domenica 4 marzo si recheranno ai propri seggi elettorali riceveranno quindi tre schede, una per il voto regionale e due per quello politico (Camera e Senato). Eleggeranno 618 deputati e 309 senatori.

Per non sbagliare, il Ministero dell'Interno ha messo a disposizione una serie di video tutorial riguardanti l'assegnazione dei seggi, il tagliando antifrode e le modalità di voto. A questi si aggiungono i 49.912 residenti all'estero e iscritti all'Aire e i 255 che si trovano all'estero temporaneamente.

Lazio-Juventus: copertura tv e streaming
Il Napoli così si trova virtualmente a +4, anche se poi il 14 marzo i banconeri andranno a recuperare la gara contro gli orobici. LAZIO (3-5-1-1): Strakosha; Wallace, de Vrij, Radu; Basta, Parolo, Leiva, Milinkovic, Lulic; Luis Alberto; Immobile .


Oltre a votare per le elezioni politiche, il 4 marzo i cittadini di Lazio e Lombardia saranno chiamati a scegliere il presidente ed il consiglio della propria Regione.

I CANDIDATI PRESIDENTI. Sono 7, appoggiati - in totale - da 19 liste e 1556 candidati consiglieri. Dopo la rinuncia dell'esponente leghista a correre per un secondo mandato, i candidati alla presidenza sono Attilio Fontana per il centrodestra, Giorgio Goriper il centrosinistra, Dario Violi (M5s), Onorio Rosati (Liberi e uguali), Massimo Gatti (Sinistra per la Lombardia), Giulio Arrighini (Grande Nord) e Angela De Rosa (Casapound).

- l'elettore può esprimere una o due preferenze per i candidati a consigliere regionale scrivendo il cognome oppure il nome e cognome in caso di omonimia. Di seguito, tutte le liste e i candidati bresciani in rigoroso ordine di apparizione sui manifesti elettorali. Per le Regionali, invece, di colore verde. E' previsto il voto disgiunto. Per la Regione è possibile il voto disgiunto: ovvero si può votare per un candidato presidente e per un partito diverso da quelli in coalizione con lui.

La nuova legge elettorale, il famoso "Rosatellum", prevede un sistema elettorale misto sia alla Camera che al Senato: un terzo dei seggi è assegnato con il sistema maggioritario e due terzi con il sistema proporzionale. In caso contrario la seconda preferenza è nulla e resta valida solo la prima.

Latest News