Elezioni 2018, gli exit poll: Cinque Stelle primo partito

Seggi chiusi per exit poll M5S è primo con oltre il 30%. Secondo partito il Pd con il 20

Elezioni 2018, gli exit poll: Cinque Stelle primo partito

Fratelli d'Italia si ferma al 4,3% alla Camera e al Senato.

In fondo alla classifica, fra i partiti meno suffragati, compare CasaPound Italia con lo 0,88% (255) alla Camera e lo 0,92% (240) al Senato, in relativo aumento rispetto allo 0,14% e 0,16% del 2013. "Un grazie sincero a tutti gli elettori che mi hanno sostenuto, ai partiti della coalizione, al mio staff elettorale, agli amici e a tutti coloro che mi hanno dimostrato affetto e solidarietà", è il primo commento ai risultati che Virginia Tiraboschi ha affidato al suo profilo Facebook. E il rischio di un astensionismo sotto l'asticella del 70% si è subito affievolito. E mentre in Europa si teme per il futuro del nostro Paese, si comincia a pensare ai vari scenari possibili.

E' la fotografia del voto che emerge dai primi exit poll realizzati da Opinio per la Rai, Tecné per Mediaset, Swg per La7 e Quorum per Sky Tg24. Oppure a una soluzione "tecnica". Non crediamo si torni a votare, perché bene o male a un accordo in Italia si arriva sempre.

Ma non solo le file hanno caratterizzato la giornata. Anzi, c'è la volontà di mantenere la parola. Il Pirellone resterà a guida del centrodestra. "No", alza la voce Salvini.

La complessità del meccanismo prevede un riparto nazionale che tenga conto della cifra che ciascuna lista elettorale ottiene su tutti i territori per definire le percentuali necessarie al riparto dei seggi. Certo, poi ci sono le conseguenze collaterali. I dati però sono ancora provvisori.

Sciopero mezzi 8 marzo 2018: orari e modalità
" Giovedì 8 marzo trasporto pubblico a rischio per lo sciopero generale di 24 ore indetto dal sindacato Usb a livello nazionale". Il servizio sarà comunque assicurato durante le due fasce di garanzia: fino alle 8,30 e dalle 17 alle 20.


Fuori dai giochi Lorenza Panei del Partito democratico.

"La reazione dei mercati non sarà molto positiva: sia Pd sia Forza Italia hanno fatto peggio del previsto e peggio di quanto indicassero i sondaggi". Se vi va seguiteci.

Manca poco alla chiusura dell urne per le elezioni politiche 2018. E ai vertici del PD qualcuno pagherà il conto. Nelle sfide uninominali sono stati sconfitti in Sicilia molti big.

Si può già iniziare a tracciare un dato con 3/4 delle sezioni scrutinate. A Liberi e Uguali andrebbero tra i 5 e gli 11 seggi. In questo caso uscirebbe indebolita l'ipotesi di una grande alleanza dalle larghe intese. Quindi, via al cosiddetto "governo del Presidente". Non ci aspettiamo che tale coalizione realizzerà significative riforme strutturali e, a seconda di quella che sarà la sua composizione, vediamo il rischio che le precedenti riforme possano essere smontate. Ovviamente, con una nuova legge elettorale.

Latest News