##Piazza Affari giù e spread in salita ma nessun panico su mercati

##Piazza Affari giù e spread in salita ma nessun panico su mercati

##Piazza Affari giù e spread in salita ma nessun panico su mercati

Nessuno scossone per la Borsa di Milano, con il Ftse Mib che ha ridotto le perdite sul finale e ha chiuso la seduta con una flessione dello 0,42% a 21.819 punti. La convinzione è comunque che servirà tempo per una lettura definitiva dei risultati delle elezioni italiane.

Lo spread tra il Btp e il Bund tedesco a dieci anni apre in rialzo dopo il voto di ieri a 140 punti dai 131 della chiusura di venerdì quando aveva aperto a 130 punti. Milano attualmente risulta la peggiore piazza europea: -1,2%.

A condizionare l'andamento odierno di Piazza Affari è indubbiamente l'esito del voto che, come da previsioni, ha restituito un Parlamento senza una chiara maggioranza.

In Piazza Affari, il voto ha avuto ripercussioni sulle banche, con diversi titoli che hanno subito sospensioni al ribasso.

Crollo PD, si dimette Matteo Renzi
Il vento delle polemiche suscitate dalle dimissioni del segretario dem rimbalza anche su twittet. Si attendono i dati definitivi, per il momento Renzi resta chiuso per un'analisi del voto.


Appurato che per formare un governo servirà dare vita ad alleanze politiche trasversali tra più schieramenti, la tranquillità dell'immediato dopo-voto deriva dalla convinzione (tutta da verificare) che una coalizione attorno a un nocciolo formato da Forza Italia e PD sia la soluzione più probabile, oltre che quella più market friendly, perché darebbe continuità alle politiche attuali soprattutto in vista del completamento dell'unione bancaria.

Quello che i mercati non volevano, ovvero forze "anti-sistema" al potere, è divenuto realtà e questo porterà, a a seconda di ciò che accadrà nei prossimi giorni, senza dubbio gli interlocutori del settore a prendere i dovuti provvedimenti. Banco Bpm cede quasi il 4,5%, Ubi perde il 3,5%.

Sul fronte monetario, tiene l'euro sopra 1,23 dollari, complice anche la debolezza del biglietto verde per le tensioni scatenati dai dazi annunciati da Trump. "Il mercato azionario italiano non ha scontato l'incertezza elettorale, ma i rendimenti correnti sui titoli di Stato potrebbero aver già incorporato una parte dei rischi politici".

Latest News