Padoan: "L'Italia post elezioni è un elemento di incertezza per l'Ue"

Padoan:

Padoan: "L'Italia post elezioni è un elemento di incertezza per l'Ue"

Se la strada per la formazione di un governo sembra lunga e in salita, quella per i presidenti delle Camere appare finora inquadrata nell'ambito di una trattativa tra M5s e Lega. Lo ha detto il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, ai giornalisti prima dell'inizio della riunione dell'Eurogruppo dedicata alla Grecia e alla discussione sul futuro dell'unione economica e monetaria.

"Le parole di Di Maio contro il ministro Padoan sono vergognose: insultare con un lessico da brigantaggio il ministro dell'Economia in carica, in diretta tv di fronte alla stampa estera, proprio nei giorni in cui il Governo si sta faticosamente impegnando per la presentazione del Def alla Commissione Europea, è un'operazione di delinquenza politica e di totale assenza di senso istituzionale". "Tutti siamo chiamati alle responsabilità". Dobbiamo liberare l'Italia. Le forze politiche stanno chiedendo di tornare a votare?

[VIDEO] Sarri abbandona l'intervista ad una domanda sulla Juve
Pochissime occasioni degne di nota: l'Inter colpisce un palo con Skriniar , il Napoli si rende pericoloso con Insigne . La prossima volta ci si metterà qualcosa, anche se a volte siamo tornati indietro quindi non so come sarà la prossima.


"Il ministro Padoan è stato irresponsabile, come a dire che 'ora che vado all'opposizione avveleno i pozzi'", ha aggiunto. A chi chiedeva se si rischi in Italia uno scenario alla greca, come nel 2015, il commissario replica ancora: "Ho ripetuto la mia grande fiducia nella democrazia italiana e nell'impegno europeo dell'Italia. Bene, se è così sappiate che a noi questa soluzione non spaventa". "Italia resterà nella Ue alleata con l'Occidente all'interno della Nato e lo sarà con l'ambizione di cambiare alcune cose che non funzionano". "Chi vuole mettersi al lavoro per l'Italia si faccia avanti, non c'è da fare alleanze ma da mettere sul piatto cose da fare". E che "la linea di politica estera del Movimento 5 stelle non tende a isolare l'Italia. Credo che sia la risposta più onesta, gli ho descritto tutte le ipotesi sul tappeto, descrivendo più o meno la distribuzione dei voti tra i vari partiti politici". "Io non ho nessun pregiudizio - ha spiegato - non vogliamo avere nulla a che fare con i partiti estremisti europei, anzi massimo dialogo con le forze di governo europee che hanno ispirato buone pratiche che abbiamo messo nel nostro programma, come la banca pubblica degli investimenti".

Latest News