Pallavolo: addio a Bebeto, ct dell'Italia oro mondiale

Pallavolo: addio a Bebeto, ct dell'Italia oro mondiale

Pallavolo: addio a Bebeto, ct dell'Italia oro mondiale

Il mondo della pallavolo piange un grandissimo come Paulo Roberto de Freitas, meglio noto come Bebeto, venuto a mancare a soli 68 anni a causa di un improvviso malore cardiaco.

Bebeto aveva guidato gli azzurri al titolo mondiale, lui che aveva raccolto la pesante eredità della nazionale vincente di Velasco. Dal 1984 al 1988, invece, Bebeto ha allenato la nazionale brasiliana di pallavolo maschile alle Olimpiadi di Los Angeles nel 1984 e ai giochi olimpici di Seul, quattro anni dopo. Era passato poi al Botafogo, polisportiva carioca di cui è stato anche presidente dal 2003 al 2008.

Stephen Hawking, l'erede di Galileo
Tali problemi non fermarono i suoi studi anche grazie all'uso di un sintetizzatore vocale che fu ideato apposta per lui. Per l'interpretazione dello scienziato , Eddie Redmayne vince l'Oscar come miglior attore protagonista.


L'anno dopo aver trionfato sulla panchina dell'Italia, Bebeto aveva deciso di tornare in patria lavorando nel calcio, per l'Atletico Mineiro. Tornato a Belo Horizonte era diventato assessore allo Sport nel governo cittadino. Bebeto si è sentito male dopo aver preso parte, come dirigente, alla conferenza stampa di presentazione della squadra di football americano dell'Atletico Mineiro (che, come il Botafogo, è una polisportiva). Dopo aver accusato l'infarto, Bebeto è stato prontamente soccorso: purtroppo, anche l'intervento di un elicottero non si è rivelato utile per salvargli la vita.

Latest News