Youtube dichiara guerra alle fake news, in arrivo gli spunti di informazione

YouTube lancia un tool di Wikipedia per eliminare fake news e teorie complottiste

Youtube dichiara guerra alle fake news, in arrivo gli spunti di informazione

Su YouTube sono presenti diversi filmati che sostengono tesi come il terrapiattismo o il fatto che l'uomo non sia mai andato sulla Luna.

Tuttavia, questa idea potrebbe avere alcuni problemi seri da affrontare e il primo potrebbe essere Wikipedia.

Due mesi fa, YouTube ha assunto 10.000 moderatori per formare il cosiddetto "Intelligence Desk" con l'obiettivo di individuare ed eliminare i video di cospirazione o fake prima che diventassero popolari. Ecco perché la piattaforma video di proprietà di Google ha deciso di stringere una alleanza con Wikipedia con lo scopo di lottare con le teorie del complotto.

Olimpiadi invernali, Zaia lancia la candidatura delle Dolomiti
Le Olimpiadi delle Dolomiti contro quelle in Piemonte, la candidatura veneto-bolzanina contro quella di Torino? Litigare sullo sport di certo non e' certo educativo.


Lo ha recentemente spiegato sul New York Times la giornalista Zeynep Tufecki; che ha mostrato come partendo da video "neutri" - per esempio un discorso di Donald Trump - si approda attraverso i correlati (trasmessi in automatico se l'autoplay è attivo) a video negazionisti dell'Olocausto, sfoghi deliranti di suprematisti bianchi e altro ancora.

In un momento in cui l'attenzione sulle fake news è ai massimi storici, era inevitabile che anche YouTube (dopo lo scandalo sugli inappropriati, per usare un eufemismo, video per bambini) finisse nell'occhio del ciclone. "Quando ci sono video incentrati su una cospirazione, stiamo usando un elenco delle più classiche in circolazione su internet, ben conosciute da Wikipedia, allora mostreremo un'unità di informazioni che mostrano informazioni sull'evento" ha dichiarato la Ceo della piattaforma di video in streaming Susan Wojcicki a margine della conferenza SXSW. La disinformazione spesso porta all'estremismo, il che vuol dire che introdurre una fonte in più non può che essere una cosa positiva. Allo stesso tempo, però, non sempre è disponibile una pagina di Wikipedia in grado di fornire un punto di vista diverso (e chissà in quanti decideranno di sfruttare i link per documentarsi ulteriormente).

Latest News