Spia russa avvelenata, Macron: "Responsabilità di Mosca unica spiegazione plausibile"

Sputnik  Alexei Druzhinin  Kremlin  File

Sputnik Alexei Druzhinin Kremlin File

L'avvertimento lanciato dall'ex capo militare britannico è arrivato poche ore dopo che Theresa May ha lanciato una feroce risposta alla Russia in merito all'avvelenamento della spia russa Sergei Skripal; Lord west ha detto che Putin è "estremamente pericoloso" e che "pensa di potersela sempre cavare", come riportato dal Daily Star. L'ente offre "copertura a molti agenti dell'intelligence britannico", ha accusato Vladimir Dzhabarov, primo vicepresidente della commissione Affari esteri del Senato russo. Dalla Russia queste accuse sono state immediatamente respinte al mittente, ma è chiaro che Mosca da un punto di vista strettamente politico non avrebbe potuto limitarsi ad una difesa debole e senza ritorsioni. Il ministero degli Esteri russo ha reso noto con una nota che 23 impiegati dell'ambasciata britannica dovranno uscire dal Paese entro una settimana. Le autorità russe hanno anche revocato l' accordo sull'apertura e sul funzionamento del consolato del Regno Unito nella città russa di San Pietroburgo. Tra gli applausi dei politici conservatori che la ascoltavano a un forum del partito, ha aggiunto: "L'aggressione russa è la vera antitesi dei valori liberali e democratici che definiscono il Regno Unito".

E' "assolutamente probabile" che l'ordine di usare l'agente nervino contro l'ex spia russa e la figlia in territorio britannico sia partito direttamente da Vladimir Putin.

Mariam, la 18enne italiana pestata e uccisa da un branco di bulle
La sorella ha anche dichiarato di aver visto alcune di quelle persone coinvolte "deridere il coma" di Mariam su Instagram. Il fascicolo, nel quale si ipotizza il reato di omicidio, è stato affidato al sostituto procuratore Sergio Colaiocco.


Tornando alla tensione tra Londra e Mosca, l'ambasciatore russo nella capitale britannica, Alexander Yakovenko, ha annunciato che il personale espulso il 14 marzo lascerà il Regno Unito il 20 marzo. A riferirlo è l'agenzia Itar-Tass, secondo cui Mosca si riserverebbe la possibilità di intraprendere altre misure restrittive nel caso in cui Londra muovesse nuovi passi ritenuti "ostili" nei suoi confronti.

Viterbo - La Russia espelle 23 diplomatici britannici. Il titolare del Ministero degli Esteri ha precisato che Londra "non ha nulla contro la Russia" e che "non c'è nessuna russofobia": per Johnson, il contrasto riguarda esclusivamente "quella che noi riteniamo enormemente probabile sia stata una decisione di Putin di portare l'impiego di un gas nervino nelle strade britanniche, nelle strade dell'Europa, per la prima volta dalla Seconda Guerra Mondiale". Gentiloni, parlando con la premier inglese - riferiscono fonti di palazzo Chigi - ha confermato la piena legittimità della richiesta britannica ad avere risposte chiare ed esaurienti dalla Russia circa il suo ruolo in questo gravissimo episodio. L'avvelenamento dell'ex spia Sergei Skripal ha creato un caso internazionale.

Latest News