Arrestato l'ex presidente francese Sarkozy

Francia finanziamenti illeciti:fermato l'ex presidente Sarkozy   
                       
                
         Oggi alle 08:56

Francia finanziamenti illeciti:fermato l'ex presidente Sarkozy Oggi alle 08:56

E' in stato di fermo con l'accusa di finanziamento illecito l'ex presidente della repubblica francese, Nicolas Sarkozy.

La misura precautelare adottata nella giornata di martedì 20 marzo sarebbe finalizzata all'interrogatorio legato all'inchiesta sui presunti finanziamenti libici alla sua campagna elettorale del 2007. Lo riporta il quotidiano Le Monde sul suo sito Internet. Il fermo è scattato nell'ambito delle indagini riguardanti i presunti finanziamenti che nel 2007 l'ex inquilino dell'Eliseo avrebbe ricevuto dalla Libia per la campagna elettorale.

Capaccio, spiagge invase dai dischetti: è giallo
Del misterioso fenomeno se ne sono occupati anche i telegiornali nazionali e testate specializzate. All'interno dei dischetti crescerebbero i batteri che depurano l'acqua assimilandone i nutrienti.


Sarkozy viene ascoltato dalla polizia dell'Ufficio centrale per la lotta alla corruzione e ai reati finanziari e fiscali a Nanterre, vicino a Parigi. Tale ingente quantità di denaro sarebbe stato poi consegnata a Sarkozy stesso (che all'epoca era il Ministro dell'Interno), nonché a Claude Gueant, braccio destro dell'ex presidente. Anche Choukri Ghanem, ex ministro del petrolio di Tripoli, in un libro aveva menzionato l'esistenza di pagamenti di Gheddafi a Sarkozy, così come Bechir Saleh, l'uomo del dittatore di Tripoli che teneva i rapporti con la Francia, aveva affermato: "Gheddafi ha detto di aver finanziato Sarkozy, Sarkozy ha negato". Hortefeux, precisa Lci, è stato interrogato in libera audizione e contrariamente a Sarkozy non è in stato di fermo. Il sospetto, confermato dall'indagine, è che dietro quell'iniziativa ci fossero torbidi interessi economici e politici, non solo nazionali ma addirittura personali da parte dell'improvvido Sarkò.

Nessun commento, per adesso, da parte del premier transalpino Edouard Philippe, intervistato stamattina dai media.

Latest News