Stomaco al posto dell'esofago malato: eccezionale intervento salva due fratellini

Stomaco al posto dell'esofago per salvare due fratellini

Stomaco al posto dell'esofago per salvare due fratellini

Avevano ingerito soda caustico per errore.

Livorno, gravissima esplosione al porto: "Ci sono feriti"
Un'esplosione si è verificata in un serbatoio nel porto industriale di Livorno , all'interno del deposito costiero Neri . L'area è stata completamente evacuata e sul posto sono arrivate le ambulanze e le prime squadre dei Vigili del Fuoco .


Dal pronto soccorso di Ivrea erano stati trasferiti all'ospedale Infantile Regina Margherita per eseguire un'esofago-gastroscopia in urgenza: l'équipe dei gastroenterologi pediatri guidati dal dottor Pier Luigi Calvo, Dipartimento di Pediatria della Città della Salute (diretto dalla dottoressa Franca Fagioli), aveva diagnosticato una brutta infiammazione dell'esofago. Dopo aver bevuto tale sostanza, il loro esofago era ustionato provocando un'esofagite così grave da non potersi più alimentare normalmente. I tentativi dei medici di limitare la progressione dell'infiammazione erano risultati infruttuosi ed il suo esofago rapidamente si era chiuso completamente su se stesso a circa 3 centimetri al di sotto della gola. Per nutrirla viene applicato un sondino che va direttamente nell'intestino. Il suo fratellino invece sembrava aver ricevuto un danno minore, tanto che i medici erano riusciti a posizionare con l'endoscopia una sonda attraverso l'esofago per consentire l'alimentazione. Tuttavia anche nel suo caso l'infiammazione era progredita verso una cicatrizzazione anomala dell'esofago, con l'impossibilità per il bambino di mangiare per bocca e l'obbligo ad una nutrizione artificiale in vena. L'eccezionale operazione, eseguita dall'equipe del professor Renato Romagnoli della Chirurgia generale 2 universitaria della Città della Salute di Torino (diretta dal professor Mauro Salizzoni), ha messo fine a un calvario di circa un anno: il tempo necessario a stabilizzare i fenomeni infiammatori degli organi vitali intorno all'esofago. Per i piccoli il calvario è durato un anno e mezzo. Intervento che alla fine è avvenuto con successo. Si tratta di un intervento delicato, eseguito per la prima volta su pazienti così piccoli e debilitati, ma tutto è andato per il meglio. I chirurghi, intervenendo da punti diversi (torace, addome e collo), hanno spostato lo stomaco, rimodellandolo a tubo fino al collo di entrambi i pazienti. Con una sutura tra il brevissimo moncone esofageo sotto la gola e l'apice dello stomaco portato al collo è stata ristabilita la continuità del tubo digerente. Dopo l'ultimo controllo del 27 marzo, i medici hanno annunciato che i fratellini stanno bene e possono iniziare a nutrirsi per bocca. La loro aspettativa di vita, oltre che la qualità della vita stessa, sono previste e pari a quelle di individui della loro età.

Latest News