Pensioni, APE volontario: quasi settemila domande già accolte e duecentomila simulazioni

Al via l'Ape volontaria

Al via l'Ape volontaria

Gli importi vanno da 655 euro per i lavoratori privati con 25 anni o 28 anni come autonomi, fino a 336 euro per redditi tra 1,5 e 2 volte il minimo e 15 anni di contributi alle spalle.

Ma chi sono i soggetti a cui toccherà lavorare fino a 71 anni? L'adeguamento coinvolgerà anche i cd. lavoratori precoci che dovranno raggiungere 41 anni e 5 mesi di contributi (2154 settimane) dai 41 anni tondi attuali. Questo perchè dal 1° gennaio 2019 si attiveranno le novità comunicate dall'INPS. Crescono pure i requisiti per accedere alla totalizzazione nazionale di cui al Dlgs 42/2006).

Dal 1° gennaio 2019 si applicano i nuovi limiti di età per andare in pensione aumentati degli incrementi della speranza di vita, stabiliti dal decreto 5 dicembre 2017 mentre con effetto dal 2021, la legge n. 205 del 2017 ha previsto la revisione del meccanismo di calcolo dell'adeguamento alla speranza di vita. Dal 2019 bisognerà avere 41 anni di contributi oppure 66 anni per la prestazione di vecchiaia.

In malattia da 8 mesi, si candida col M5S: guarisce per "miracolo"
Della vicenda è stato informato anche il leader pentastellato Luigi Di Maio che ha promesso di fare le opportune verifiche. Per tornare a lavoro? Poi la guarigione, poco prima del suo ingresso a Palazzo Madama.


A titolo esemplificativo, per il biennio 2023-2024 la variazione della speranza di vita è computata in misura pari alla differenza tra la media dei valori registrati nel biennio 2019- 2020 e la media dei valori registrati nel biennio 2017-2018. La disciplina vigente in materia di APE ha infatti previsto che coloro che hanno maturato i requisiti per l'accesso al beneficio (almeno 63 anni di età e 20 anni di contribuzione) in una data compresa tra il 1° maggio 2017 e il 18 ottobre 2018, possono richiedere, entro il 18 aprile 2018, la corresponsione di tutti i ratei arretrati maturati a decorrere dalla data di maturazione dei requisiti.

APE volontario: quasi settemila le domande di certificazione del diritto finora accolte. A fare luce su queste nuove dinamiche ci ha pensato la circolare numero 62 del 4 aprile scorso, quella con cui, per intenderci, l'Inps ha reso ufficiale l'aumento di cinque mesi dei requisiti pensionistici relativi al biennio 2019/2020.

Dal 16 marzo anche le sedi territoriali dell'Istituto possono effettuare le procedure per la certificazione del diritto all'Ape volontaria e dal 30 marzo l'Inps ha iniziato a inviare ai soggetti interessati le certificazioni.

Latest News