Mattarella discorso post-consultazioni: "Non ci sono progressi"

Mattarella accelera i tempi: serve un governo in carica

Consultazioni. Berlusconi, coalizione solidissima. Salvini, fiducia in Mattarella

"Parlo per me ma sono convinto che esprimo un sentimento comune anche ai presidenti di Camera e Senato: siamo tutti accanto al presidente Mattarella nella ricerca di soluzioni ed è un compito estremamente difficile e complesso e nello stesso tempo presenta una sua innegabile urgenza. Siamo pienamente solidali con lui", ha concluso. Lo ha detto il presidente emerito della Repubblica, Giorgio Napolitano, intervenendo al termine del colloquio con Mattarella al Quirinale.

Siamo giunti al secondo giorno di Consultazioni. Lo ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al termine delle consultazioni, per poi aggiungere che "emerge con evidenza che il confronto tra i partiti non ha fatto progressi".

Mps, Sibilia (M5s): Tesoro voti azione responsabilità ex vertici
Quello che aspetta la banca, ha aggiunto, è comunque "un percorso lungo, duro e difficile, con diverse incognite". I dati sono emersi durante la risposta per iscritto dalla banca ad un'azionista durante l'assemblea.


- Secondo quanto riportato dall'edizione odierna de La Repubblica, Mattarella avrebbe concesso 4-5 giorni - fino a martedì o mercoledì - ai partiti politici per trovare una soluzione politica alla crisi. Ho fatto presente alle forze politiche la necessità di avere un governo nella pienezza delle funzioni. Per questo "attenderò alcuni giorni, trascorsi i quali valuterò in che modo procedere per uscire dallo stallo che si registra", ha spiegato Mattarella. Ha affermato: "La Battuta di ieri di Berlusconi?". Non cambia nulla. Sono più attento alla sostanza che alla forma. Noi siamo pronti. Certo, ci sono due veti contrapposti di M5S e Forza Italia. Se continua così, se continuano a bisticciare, si stuferanno gli italiani, mi stuferò io e tra un mese si tornerà alle urne, quindi: "o la smettono o si vota". Il Presidente Mattarella potrebbe già fare oggi un punto della situazione, dopo aver colloquiato con il predecessore Giorgio Napolitano, con il presidente della Camera Roberto Fico e con la stessa Casellati.

Latest News