Coppia trova un topo nella busta dell'insalata

Il topo trovato nella busta d’insalata da una coppia di genovesi sottoposti in seguito a profilassi antibiotica

Il topo trovato nella busta d’insalata da una coppia di genovesi sottoposti in seguito a profilassi antibiotica

Brutta disavventura per una coppia di genovesi che si sono accorti che la busta di insalata che avevano comprato e in parte consumato conteneva un topo morto.

Si potevano aspettare di tutto ma non certo quello che hanno trovato, un topo nell'insalata in busta.

Dopo la denuncia formalizzata dalla coppia presso gli uffici dell'ASL competente, si è provveduto a capire che l'insalata era stata confezionata da un'azienda del bergamasco, dove adesso si andranno ad intensificare i controlli.

Aggredito uno steward a calci e pugni: arrestati 3 ultras napoletani
Nei pressi dello stadio milanese, ultras del Milan hanno aggredito un piccolo gruppo di tifosi del Napoli , con cinghie e bastoni. A fine gara si è accesa una piccola scaramuccia tra Biglia e alcuni calciatori azzurri sedata da Maurizio Sarri .


La busta è stata prodotta e sigillata da un'azienda a cui è scattato un controllo: si sta analizzando il contenuto del sacchetto mentre il topo è stato inviato ai laboratori dell'Arpal per le analisi del caso. "Abbiamo ricevuto le due persone, ci hanno portato la busta dell'insalata con il topo ritrovato all'interno". Quando hanno trovato il topo, poi, si sono rivolti al medico di base e alla Asl.

Una coppia della provincia di Genova aveva comprato una busta di insalata in un supermercato della zona e ne aveva mangiata una parte. Entrambi dovranno essere sottoposti a una cura antibiotica. Il supermercato dove è stato acquistato il prodotto ha deciso, in via precauzionale, di ritirare le altre buste della stessa ditta in vendita nel negozio, anche se il lotto di quella incriminata era già esaurito.

La Asl, infatti, ha avviato i controlli sul contenuto della busta. Si è trattato comunque di un provvedimento di precauzione: "Abbiamo avvisato anche gli uffici regionali di competenza - ha concluso Paolo Cavagnaro - Il prodotto era comunque scaduto, non c'è stato bisogno di diramare un'allerta".

Latest News