Vinitaly 2018: i vini della Calabria, grandi protagonisti

E Verona diventa il centro del mondo ecco Vinitaly 2018

Condividi

Con 4.380 espositori (130 in più rispetto al 2017), 36 paesi esteri rappresentati nell'International Wine_Hall (erano 29 la scorsa edizione), si è aperta oggi la 52ª edizione di Vinitaly, in programma a Verona fino a mercoledì 18 aprile. "Wine to Love" è una commedia romantica in cui le storie familiari e sentimentali si immergono nello scenario lucano, raccontando la comunità di questa terra, la sua storia, le sue masserie, i suoi vigneti, il suo rinomato vino e il mondo che ruota intorno ad esso. Secondo uno studio del comparto vinicolo presentata in questi giorni dall'area studi di Mediobanca, negli ultimi 12 mesi (marzo 2017 - marzo 2018) la capitalizzazione dei titoli che compongono l'indice mondiale di borsa del vino è aumentata del 12,2% (contro una performance pressoché nulla dell'indice Msci World in euro) e se si amplia l'orizzonte temporale di riferimento, i numeri sono ancora più favorevoli agli investitori in vino. La chicca del territorio è il Chiaretto, che nasce dal vitigno autoctono Groppello: un rosé di antiche radici che a Verona sarà protagonista di una serie di iniziative in collaborazione con quattro grandi rosati Doc italiani da uve autoctone (Chiaretto di Bardolino, Cerasuolo d'Abruzzo, Castel Del Monte e Salice Salentino). L'assessore al Turismo Lorenza Buonaccorsi ha ricordato, altresì, che dopo l'anno dei borghi, che ha visto aumentare i turisti in Italia e in particolare nel lazio si sta sempre più lavorando con i borghi per farli conoscere fuori dei nostri confini.

Una vetrina internazionale per l'Italia, primo esportatore in volume nei mercati top del mondo: Usa, Germania, Regno Unito, Svizzera e Canada.

Antonio, ucciso a coltellate nel Salernitano: fermato un 18enne per l'omicidio
Il corpo esanime del 18enne è stato ritrovato nel torrente Peglio , nel salernitano, è stato ucciso con sei coltellate . Da allora si sono perse le tracce di Antonio ricercato invano per giorni dalle forze dell'ordine e da volontari.


Torna, puntuale come ogni anno, l'appuntamento con Vinitaly, il più importante salone internazionale di vino e distillati. Attraverso un fitto network di Delegazioni, la Federazione Italiana Sommelier Albergatori e Ristoratori sostiene e promuove una cultura del vino che diffonda i valori di indipendenza, territorialità e qualità. Ci sarà anche l'Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari (ICQRF) che metterà gratuitamente a disposizione degli operatori della filiera vinicola il proprio personale per aiutare le aziende ad operare in modo corretto ed efficiente.

Ad aprire il ricco palinsesto di eventi, domenica 15 aprile alle ore 13,00 sul palco centrale dello stand del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, la Giunta Esecutiva FISAr consegna il "Premio FISAR alla Comunicazione 2018" al Dottor Roberto Rabachino, Presidente Nazionale dei Giornalisti e Comunicatori del settore Agroalimentare Italiano (ASA). Lincontro si articolerà in due indagini parallele: una sul percorso artistico e umano del "cavaliere calabrese" Mattia Preti (1613-1699), tra i più originali interpreti del linguaggio caravaggesco, e l'altra su sei grandi vini rossi di Calabria, degustati con speciale attenzione alla loro capacità di evocazione dei contrasti delle opere del grande autore calabrese.

Latest News