Nuovo ricorso dei genitori di Alfie

Alfie respira ancora dopo 12 ore senza respiratore questa è la sua storia

Alfie Evans, i genitori trattano con i medici per portarlo a casa

Alfie Evans continua a lottare e il suo coraggio, così come quello dei suoi giovanissimi genitori, sta commuovendo il mondo intero che, giorno dopo giorno, assiste ai disperati tentativi di Tom e Kate di far trasferire il piccolo in Italia, a Roma, presso il "Bambino Gesù", per offrire al proprio figlio un'ultima speranza.

Secondo il genitore, il bimbo oggi appare "un po' debole" e non si è svegliato. Oggi ci sarà un incontro con i medici dell'Alder Hey Hospital, e il padre Tom ha spiegato a riguardo: "Ci è stato rifiutato di andare in Italia, purtroppo - le parole riportate da TgCom24 - oggi ci sarà un incontro con i dottori dell'Alder Hey: noi ora cominciamo a chiedere di portarlo a casa". Ieri è giunto l'ultimo "no" della Corte d'Appello di Londra per il trasferimento del piccolo in Italia.

I genitori di Alfie Evans: "Non lasciate nulla d'intentato, salvate nostro figlio"
Il papà di Alfie , Tom , ha fatto sapere che il bambino ha continuato a respirare da solo e nel suo lettino di ospedale . E insiste: "Voglio solo che tutti sappiano che Alfie si è stabilizzato".


La vicenda attorno al piccolo Alfie Evans, affetto da una rara malattia, continua a far discutere. È steso nel lettino con un litro di ossigeno che gli entra nei polmoni (dalle bombole portatili) e per il resto respira da sé. "Alcuni dicono che è un miracolo, non è un miracolo, è una diagnosi errata", ha concluso Tom Evans. E' tornato, ha avuto solo un calo, è diventato pallido, le labbra si sono un pò scurite ma è tornato.

Sulle condizioni del bambino, il giovanissimo papà ha infine ripetuto che Alfie sta "sta ancora lottando", appare "tranquillo" e "contento", con il battito cardiaco stabile. In ogni modo, "tutto ciò che chiediamo ai medici è che questo incontro sia positivo e che Alfie possa tornare a casa. entro un giorno o due". Il padre del bambino ha detto che il piccolo "non soffre e non prova dolore e questo mi incoraggia sempre di più: spero che possa vivere per un numero X di mesi, magari di anni".

Latest News